Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

COOPERAZIONE TERRITORIALE EUROPEA

Testo CTE 1990-1993

Testo CTE 1994-1999

La Cooperazione Territoriale Europea (o Interreg) 2000/2006 è un'iniziativa comunitaria del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) per la cooperazione tra regioni dell'Unione europea. L'obiettivo di Interreg è di rafforzare la coesione economica e sociale nell'Unione europea promuovendo da un lato la cooperazione transfrontaliera, transnazionale e interregionale e dall'altro lato lo sviluppo equilibrato del territorio. Una particolare attenzione è riservata alle relazioni tra le Regioni ultraperiferiche e le Regioni situate lungo le frontiere esterne dell'Unione europea con i Paesi candidati all'adesione.

Per il periodo 2000-2006, la Cooperazione Territoriale Europea dispone di una dotazione finanziaria di 4.875 milioni di euro. L'iniziativa è cofinanziata dalla Commissione e dagli Stati membri. Il contributo del FESR non supera il 75% del costo globale del programma nelle regioni dell'obiettivo 1 e il 50% nelle altre regioni.

La Commissione ha proposto una ripartizione finanziaria indicativa per Stato membro, basata essenzialmente sugli indici demografici nelle zone frontaliere interne dell'Unione europea, nelle regioni ultraperiferiche o ancora nelle zone confinanti con i paesi dell'Europa centrale e orientale. Il 50-80% delle dotazioni nazionali è destinato ai programmi di cooperazione transfrontaliera e il 6% ai programmi di cooperazione interregionale.

I paesi terzi che partecipano ad azioni di cooperazione nell'ambito di Interreg III, per il periodo di programmazione 2000-2006, possono contare sull'aiuto finanziario del programma PHARE-CBC, dei programmi nazionali di PHARE, ISPA e SAPARD e dei programmi TACIS e MEDA e FES. Possono inoltre essere disponibili prestiti della Banca Europea per gli Investimenti (BEI).

I principali Programmi di interesse per gli stakeholder regionali pugliesi sono:

  • INTERREG Italia-Albania
  • INTERREG Grecia-Italia
  • INTERREG Transfrontaliero Adriatico
  • INTERREG ARCHIMED
  • PIC  Central, Adriatic, Danubian and South-East European Space 2000-2006 (C.A.D.S.E.S.)
  • IIIC EST

Nel periodo di Programmazione comunitario 2007/2013 Cooperazione Territoriale Europea diventa uno strumento effettivo della politica regionale, trasformandosi in obiettivo esplicito della politica di coesione (Obiettivo 3).

La Puglia è l’unica regione italiana ad essere territorio eleggibile sia nell’ambito della Cooperazione Territoriale con l’area balcanica, sia con l’area mediterranea.
I principali Programmi di interesse per gli steakeholder regionali sono:

  • Programma di Cooperazione Transfrontaliera Grecia- Italia;
  • Programma di Cooperazione Transfrontaliera IPA Adriatico;
  • Programma di Cooperazione Transfrontaliera ENPI - Bacino del Mediterraneo;
  • Programma di Cooperazione Transnazionale MED;
  • Programma di Cooperazione Transnazionale SEE – Sud Est Europa;
  • Programmi di Cooperazione Interregionale Interreg IV C, URBACT II, INTERACT, ESPON 2013.

Nell’ambito del Programma di Cooperazione Transfrontaliera ENPI Bacino del Mediterraneo, la Regione Puglia ha assunto la funzione di presidenza del Comitato Nazionale, una funzione di coordinamento delle Regioni finalizzata a rafforzare e coordinare la partecipazione dell’Italia al Programma, e condivide con il Ministero per gli Affari esteri la funzione di Punto di Contatto Nazionale.

Inoltre, nell’ambito del Programma di Cooperazione Transfrontaliera IPA Adriatico, si è voluta riconoscere la valenza strategica della pregressa cooperazione Puglia – Albania quale asse portante delle relazioni dell’area adriatica; pertanto, i Paesi partecipanti hanno ufficialmente sostenuto l’avvio del Progetto Strategico ALTERENERGY, già previsto nell’ambito del Programma Operativo e partecipato da tutti i Paesi Adriatici.

Nell’ambito del Programma Transfrontaliero Grecia Italia, invece, la Regione Puglia è soggetto referente per l’implementazione nazionale del Programma.

Negli altri Programmi, la Regione svolge funzioni di membro  del Comitato nazionale e/o membro del Comitato di Sorveglianza.

Sottocategorie

Under Construction

Under Construction

Progetti che coinvolgono il Servizio Mediterraneo come Lead Partner o come Project Partner.

Grecia - Italia

Transfrontaliero Adriatico

Archimed

Cadses

III C Est