Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

CTE 2014-2020

Per il periodo 2014-2020, insieme ai programmi bilaterali e multinazionali, il nuovo strumento europeo di vicinato “European Neighbourhood Instrument” (ENI) – che sostituisce lo strumento europeo di vicinato e partenariato “European Neighbourhood Partnership Instrument” (ENPI) – sostiene gli interventi della Cooperazione transfrontaliera di cui il Programma ENI CBC “MEDITERRANEO” fa parte.

La strategia del nuovo Programma di Vicinato "ENI" 2014-2020 nel bacino del Mediterraneo punta a promuovere uno sviluppo economico e sociale equo e sostenibile dei Paesi terzi coinvolti, valorizzando l’identità dei territori, favorendo l'integrazione transfrontaliera, e, conseguentemente, promuovendo la sicurezza dei confini esterni dell'Unione.

L’area geografica eleggibile comprende tutte le zone costiere dei Paesi EU e dei Paesi terzi che si affacciano sul Mediterraneo, dal Portogallo, al Medio Oriente. Per l'Italia, in particolare, partecipano le regioni Basilicata, Calabria, Campania, Lazio, Liguria, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana. Mentre entrano come “adjoining” per il periodo di programmazione 2014/20 le regioni Molise, Abruzzo, Marche, Umbria, Emilia Romagna, Piemonte.


Due sono gli obiettivi generali del Programma:
A - Promuovere lo sviluppo economico e sociale
B - Orientare sfide comuni per l'ambiente.

Quattro, invece, sono i temi principali su cui si sviluppano le azioni di ENI CBC MEDITERRANEO:
1. Competitività e sviluppo delle Piccole e Medie Imprese;
2. Sostegno all'istruzione, ricerca, sviluppo tecnologico e innovazione;
3. Promozione dell'inclusione sociale e lotta alla povertà;
4. Tutela dell'ambiente, adattamento e mitigazione degli effetti del cambiamento climatico

“People to people cooperation”, in particolare, è considerata una modalità strategica per il raggiungimento degli obiettivi sopra indicati. Come priorità trasversale di ogni azione, invece, il Programma considera “Institutional capacity building” la chiave per ottenere il rafforzamento delle capacità istituzionali.

Sito web del Programma.

Urbact III 2014/2020 è un Programma di Cooperazione Interregionale di scambio e apprendimento per la promozione dello sviluppo urbano sostenibile. Al Programma partecipano tutti gli Stati membri dell’Unione e i due paesi partner Norvegia e Svizzera.

L’obiettivo di Urbact è di facilitare la condivisione di conoscenze e buone prassi tra le città e gli altri livelli di governo al fine di promuovere lo sviluppo sostenibile e integrato delle città europee e sviluppare competenze nei soggetti coinvolti nell’attuazione della politica urbana.

Quattro sono gli obiettivi principali:
1. Capacità di attuazione delle politiche: migliorare la capacità delle città di gestire le politiche urbane sostenibili in modo integrato e partecipativo.
2. Progettazione delle politiche: migliorare la progettazione di politiche urbane sostenibili e servizi nelle città.
3. Implementazione delle politiche: migliorare l’implementazione di strategie urbane integrate e sostenibili e azioni nelle città.
4. Costruire e condividere la conoscenza: assicurare agli operatori del settore e agli stakeholder a tutti i livelli una condivisione di conoscenze sugli aspetti dello sviluppo urbano sostenibile.

Sito web di riferimento del Programma Urbact III.

Il Programma di Cooperazione Interregionale ESPON (European Spatial Planning Observation Network) 2020 dispone di un budget complessivo di circa 48,6 milioni di euro, di cui 41,3 milioni di euro circa di contributo del Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR).

Oltre ai 28 paesi dell’Unione europea, il Programma è aperto alla partecipazione di soggetti provenienti da Islanda, Liechtenstein, Norvegia e Svizzera.

ESPON 2020 intende consolidare una Rete Europea di Osservazione Territoriale e sviluppare una conoscenza territoriale trans-europea comparabile, sistematica ed affidabile e il suo utilizzo per l’elaborazione di politiche.

Fra gli 11 obiettivi tematici del FESR, il Programma ha scelto di focalizzare l’attenzione su interventi tesi a “migliorare la capacità istituzionale e l’efficacia delle pubbliche amministrazioni”.

Due sono gli Assi Prioritari di ESPON 2020:
Asse I: Evidenze Territoriali, Disseminazione, Osservazione, Strumenti e Divulgazione.
Asse II: Assistenza Tecnica.


Sito web di riferimento del Programma ESPON 2020.

Under Construction

Sottocategorie

Under Construction

Under Construction