Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

RETI EUROPEE

SETTORE DI INTERVENTO:
Cultura e Creatività

L’obiettivo dell’Iniziativa Regionale per la Cultura e la Creatività è di fornire ai governi regionali, alle città (è interessante che regioni e autorità locali lavorino insieme) e ai territori in tutta Europa una piattaforma strategica che possa dare supporto alle politiche sulla cultura e la creatività e per partecipare ai programmi rilevanti dell’UE.

La RICC si focalizza su politiche, programmi e legislazione dell’UE, rilevanti per le autorità regionali, che hanno un impatto sul settore culturale e creativo con un approccio transettoriale.  Altri temi di interesse: innovazione sociale, inclusione, competenze, agenda digitale, aiuti di Stato, turismo, ricerca, cooperazione culturale, sviluppo economico, nuovi audiencies, creazione multilinguistica.

Due principali assi di iniziative sono essenziali:
1. Lobbying sull’UE in tema di politiche sulla cultura;
2.Cooperazione nello sviluppo di progetti comuni nell’ambito dei programmi Europei (es. Usare la piattaforma online per la ricerca di partner).

La Regione Puglia ha aderito al network nel 2014.

Contatti
Valentina Polylas: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

SETTORE DI INTERVENTO:
Trasporti

Polis è una rete di città e regioni europee che lavorano insieme per sviluppare tecnologie e politiche innovative per il trasporto locale. Dal 1989, gli enti locali e regionali europei collaborano attraverso Polis per attuare politiche sostenibili di mobilità con lo sviluppo di soluzioni innovative di trasporto.

Lo scopo è di migliorare il trasporto locale attraverso delle strategie integrate, che tengono conto degli aspetti economici, sociali ed ambientali in gioco. A questo fine, Polis facilita lo scambio di esperienze ed il trasferimento delle conoscenze tra gli enti (e le organizzazioni) locali e regionali europei.

Polis promuove cooperazione e partnership attraverso l'Europa allo scopo di rendere la ricerca e l'innovazione nel trasporto accessibile alle città ed alle regioni. La rete sostiene attivamente la partecipazione dei suoi membri a progetti europei e partecipa in qualità di partner in alcuni di questi progetti.

Le autorità acquisiscono le informazioni e gli strumenti necessari per rendere la mobilità sostenibile una realtà e hanno l'opportunità di formulare raccomandazioni alle istituzioni europee attraverso il Gruppo Politico della rete.

Le attività di Polis sono strutturate intorno ai quattro temi centrali ("i pilastri tematici") di una politica urbana e regionale sostenibile dei trasporti:
• ambiente e salute;
• mobilità ed efficienza;
• sicurezza stradale e sicurezza dei sistemi di trasporto;
• aspetti economici e sociali del trasporto.

I membri di Polis si incontrano regolarmente nei gruppi di lavoro costituiti per discutere su questi quattro temi. I lavori di ogni pilastro sono trasferiti ad un Gruppo di lavoro. Ogni gruppo di lavoro è supportato da gruppi di membri più piccoli, detta task force, che è responsabile nella definizione della direzione strategica e degli obiettivi del gruppo del pilastro di riferimento. Per ogni pilastro sono stati nominati i membri del Comitato di gestione e i gruppi politici. I gruppi di lavoro sono aperti solo ai Membri.

Polis riunisce città e regioni di tutta l'Europa. L'associazione è attualmente presieduta dalla città di Dresden ed ha un segretariato permanente a Bruxelles. La Regione Puglia ha aderito al network nel 2011.

Contatti
Segretariato Polis: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Per maggiori informazioni: www.polisnetwork.eu


SETTORE DI INTERVENTO:
Tecnologie spaziali

NEREUS, costituitasi ufficialmente nel 2008, è guidata dalla Regione Puglia sin dal luglio 2014, dapprima con l’ex Presidente Nichi Vendola e, dal 22 novembre 2016, dall’attuale Presidente, Michele Emiliano, rinnovato nella carica sino al maggio 2019.

NEREUS intende creare e promuovere uno spazio di dialogo, di scambio e di riflessione tra le regioni e gli attori della politica spaziale in Europa: Stati Membri, Unione Europea, Agenzia Spaziale Europea (ESA), agenzie spaziali nazionali, distretti, aziende.

La rete è costituita da 26 Regioni (membri titolari) e 35 membri associati ed è organizzata come un'associazione non a scopo di lucro. Il Segretariato permanente dell'associazione ha sede a Bruxelles e gli organi statutari sono il Consiglio di Amministrazione e l'Assemblea Generale.

Obiettivi principali:
• promuovere la dimensione regionale delle politiche spaziali;
• diffondere l'uso delle applicazioni spaziali per apportare benefici alle regioni e ai cittadini europei;
• promuovere un approccio "bottom-up" alle attività spaziali europee che coinvolga un numero maggiore di regioni e cittadini, promuovendo una maggiore partecipazione di questi ultimi alla costruzione e allo sviluppo di mercati tecnologici spaziali;
• diffondere il «fascino dello spazio» tra le nuove generazioni;
• promuovere lo scambio di informazioni e conoscenze;
• favorire la costruzione di solidi partenariati utili a promuovere progetti e attività tra i propri membri.

La Regione Puglia ha aderito al network nel 2012.

Contatti
Segretariato NEREUS: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Per maggiori informazioni: www.nereus-regions.eu

SETTORE DI INTERVENTO:
Turismo

La rete europea NECSTouR (Network of European regions for a Sustainable and Competitive Tourism), progetto di cui la Regione Toscana è promotrice insieme alla spagnola Catalogna e alla francese Provence-Alpes-Cote d’Azur, è uno strumento per la condivisione di un percorso attuativo tra un gruppo di Regioni, autonomie locali, Stati membri e Commissione Europea ma anche con le imprese, forze sociali e consumatori.

NECSTouR si propone come laboratorio permanente di dibattito, piattaforma di condivisione di best practice, sperimentazione di modelli condivisi di misurazione dei fenomeni e di dialogo sociale.

Dieci i punti focali di attenzione: dalla qualità della vita e del lavoro, all’impatto dei trasporti, alle strategie di destagionalizzazione, dalla tutela attiva del patrimonio culturale e ambientale e dell’identità delle destinazioni alla diminuzione e ottimizzazione delle risorse naturali, in primis dell’acqua, oltre che dei consumi di energia e della gestione dei rifiuti.

La rete è composta 6 Working Groups: fondi europei per il turismo, indicatori e ETIS, piattaforme digitali, destinazioni intelligenti, turismo culturale e sostenibilità culturale, innovazione ed educazione nel settore turistico.

Alla rete aderiscono 30 regioni in 20 paesi europei.

Obiettivi principali:
• costruire una rete di relazioni e sviluppare una piattaforma coerente per il coordinamento dei programmi di sviluppo e ricerca nel settore del turismo sostenibile e competitivo;
• sviluppare modelli di dialogo sociale e di misurazione;
• raccolta di buone pratiche;
• sviluppo di progetti innovativi;
• disseminazione.

Per il raggiungimento dei propri obiettivi NECSTOUR si avvale dei seguenti strumenti:
• promozione di azioni coordinate;
• collezione e valutazione di best practice;
• costante contatto con le organizzazioni internazionali del tema della sostenibilità applicata al turismo;
• creazione di progetti innovativi;
• diffusione e discussione dei risultati attraverso il sito, newsletter, conferenze e altri canali.

La Regione Puglia ha aderito al network nel 2010.

Contatti
Segretariato Necstour: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Per maggiori informazioni: www.necstour.eu