Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

fieraUn’esplosione di creatività ha salutato la 74esima Fiera del Levante. L’epicentro è stato il padiglione istituzionale della Regione dedicato alla "Puglia Creativa", location di una cerimonia di chiusura eccezionale. Così come originale è stata l’intera Campionaria, mosaico di arte, cultura e spettacolo.


Sotto il marchio "Puglia creativa", infatti, in nove giorni si sono esibiti 10 musicisti e 7 compagnie teatrali pugliesi. Si sono tenute più di 50 performance di teatro, danza e musica con il sostegno di 4 professionisti designer, discografici e produttori di fama nazionale. Fondamentale è stata la collaborazione anche di 50 esperti dello spettacolo e la partecipazione dei visitatori della Fiera: più di 800 al giorno nei 700 metri quadri dello stand.

“Possiamo dire di aver vinto una scommessa che per molti era perdente – ha detto il presidente della Regione Nichi Vendola durante la cerimonia finale – Siamo riusciti ad avviare un percorso che genera economia, civiltà ma che è anche un paradigma per guardare al nostro passato e al nostro futuro con un diverso spirito critico. Con nuovi saperi e conoscenze è possibile creare nuovi mestieri, fare innovazione, ricerca e qualità. Si può costruire un mondo fondato su beni immateriali, sulla bellezza: non quella patinata dominante ma quella più profonda che va al di là del fatto estetico. Una ricchezza che abbiamo ereditato: è nostro dovere valorizzarla prima di renderla alle future generazioni. Con Cineporto e Puglia Sounds abbiamo realizzato luoghi di raccolta di saperi a cui le produzioni internazionali possono attingere e dove i nostri talenti possono tornare dopo essere andati all’estero, perché viaggiare non sia più sinonimo di emigrare. Eppure, per aver puntato sulla cultura, ci hanno demonizzato, così come per aver lottato contro la precarietà. Ciò, però, non ha fermato e non fermerà la nostra voglia di diffondere il virus del riconoscimento dei diritti nel mondo del lavoro”.

Gli ha fatto eco l’assessore al Mediterraneo Silvia Godelli: “Dopo le prime esperienze del progetto Bollenti spiriti, abbiamo esteso il modello di valorizzazione dei giovani e della creatività a tutti i settori dello spettacolo. I laboratori di teatro, cinema, musica sono diventati fucine di lavoro. E la nostra azione, che non nasce da un singolo Assessorato ma è sostenuta collegialmente da tutta la Giunta, sta facendo da battistrada in Italia e in Europa”.

“Anche grazie alla Puglia creativa, la Fiera – ha detto il suo presidente Cosimo Lacirignola – è a un punto di svolta e si sta trasformando sempre più, anche e soprattutto, in un distretto della cultura e in un luogo di eccellenza economica per l’intero territorio”.

I musicisti e le compagnie coinvolti nelle attività di Puglia Sounds e Teatri abitati (performance teatrali, reading ed esecuzioni dal vivo) hanno prodotto durante la Campionaria cd promozionali, videoclip, book fotografici e materiale grafico con il supporto di professionisti di fama nazionale quali Stefano Senardi, Vittorio Cosma, Giancarlo Sforza, Gianni Maroccolo, Riccardo Sinigallia, Sergio Pappalettera e Gianni Canitano.

Anche nell’ultimo giorno si sono alternate performance che hanno intrattenuto e divertito il pubblico. Dalla cassarmonica «Lucìa» sono risuonate le note e i battiti della pizzica interpretata dal gruppo salentino Zoè. Nei viali del quartiere fieristico giocolieri, trampolieri e circensi del Circo Laboratorio Nomade e Artinstrada hanno messo in scena diversi spettacoli che hanno catalizzato la meraviglia soprattutto dei più piccoli. Nel Giardino delle Idee, infine, sono andate avanti le presentazioni delle attività delle neoimprese e associazioni (oltre 400), vincitrici di Principi attivi 2008. Inoltre sono state esposte le iniziative di chi (singoli od organizzazioni) ha beneficiato degli strumenti di supporto alla creatività, all'innovazione e alla ricerca promossi dalla Regione Puglia, come la Rete di Laboratori Pubblici di Ricerca, Start Cup, Spin-Off.

 

 

Fonte: Fiera del Levante