Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

“Le nuove strategie della cooperazione decentrata italiana in Libano” è il titolo dell’incontro che si terrà a Beirut giovedì 4 e venerdì 5 novembre 2010. L’Assise, promossa dall’Ufficio della Cooperazione italiana in Libano, dalla Regione Toscana e dal Programma Art Gold Libano dell’UNDP, vanta l’adesione di diverse regioni italiane, fra cui la Puglia, oltre che di enti locali italiani e del Coordinamento degli Enti locali per la pace.


L’obiettivo è approfondire la riflessione ed identificare delle proposte per migliorare la qualità e l’efficacia degli interventi della cooperazione decentrata italiana a favore delle istituzioni locali libanesi. In particolare, tra gli intenti, si vuole: 
1. Condividere esperienze concrete e significative realizzate nei rispettivi territori di appartenenza e negli ambiti tematici identificati, con particolare attenzione ai progetti congiunti ed ad un’analisi dei loro punti di forza e debolezza.
2. Creare una piattaforma di dialogo tra gli attori della cooperazione decentrata italiana ed i loro partner libanesi che possa essere mantenuta nel tempo.
3. Facilitare attraverso la condivisione delle esperienze l’appropriazione degli interventi di sviluppo da parte dei partner libanesi.
4. Identificare criteri e linee strategiche condivise a livello di azioni comuni e di proposte future, in vista di un migliore allineamento delle strategie della Cooperazione decentrata agli obiettivi ed ai programmi di sviluppo territoriale nazionale e locale, e per garantire che gli interventi proposti nascano da effettive richieste del territorio.
5. Elaborare metodologie e strumenti per aumentare il coordinamento tra gli attori della cooperazione decentrata e le controparti libanesi, in modo da evitare la frammentazione degli interventi ed aumentarne l’efficacia e la sostenibilità nel tempo.
6. Identificare percorsi di progettazione comune per la programmazione dello sviluppo locale libanese tra enti locali libanesi e cooperazione decentrata italiana con partnership europea, partendo dall’analisi dei piani di sviluppo locale, dall’individuazione dei loro elementi di funzionalità e criticità per cercare di capire come la cooperazione decentrata può costituire un valore aggiunto di questi processi
7. Creazione di una task force di cooperazione decentrata a sostegno del processo di decentramento in Libano e al raggiungimento degli obiettivi della programmazione dello sviluppo locale in un percorso di partnership responsabile e sostenibile (next meeting previsto in plenaria di Assise fra due anni).

I gruppi di lavoro si divideranno per aree tematiche (acqua e ambiente, salute, welfare socio  sanitario ed educazione, sviluppo economico e turismo, decentramento). Ogni gruppo sarà coordinato da un esperto italiano ed uno libanese, ed il lavoro consisterà in una sessione di brainstorming in cui i partecipanti potranno riflettere e dibattere sui temi presentati. Sarà compito dei coordinatori, con il supporto di rapporteur qualificati, fare sintesi della discussione realizzata e presentare all’assemblea i risultati del lavoro.

La Task Force di cooperazione decentrata a sostegno del processo di decentramento in Libano ambisce a diventare un punto di riferimento stabile e ricorrente sui percorsi di elaborazione e programmazione dei quadri di concertazione territoriale in Libano, di fronte a una evidente continuità dei processi di negoziazione e concertazione dello sviluppo a livello locale e con l’assistenza tecnica della cooperazione decentrata in Italia (ma non solo) - nel quadro dei diversi percorsi possibili (UNDP, Cooperazione Italiana, UE, etc..). Con questo lavoro si intende inoltre facilitare percorsi di analisi critica e di monitoraggio delle esperienze in corso e in programmazione, in un’ottica di Programma Paese unitario della cooperazione decentrata in Libano.

A rappresentare la Regione Puglia a Beirut, nel corso dei lavori, sarà Flavia Chirianni e Pina Marella dell'Assessorato al Mediterraneo - Servizio Mediterraneo; Enrico Azzone e Nino Dubla dell’Istituto Agronomico Mediterraneo di Bari.

In allegato: icon Programma_Assise_Libano

 

 

Redazione Europuglia