Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Presentata la 75^ Campionaria a Bari: il Presidente Nichi Vendola partecipa in videoconferenza da Roma e rilancia l’immagine di una fiera capace di costruire un nuovo futuro per il Mezzogiorno. Una Campionaria di transizione in attesa di una “rinfrescata” nel 2012 e un impegno preciso: offrire sempre più prodotti di qualità con costi di produzione ridotti e una maggiore efficienza gestionale.


Il presidente della Fiera del Levante, Gianfranco Viesti, in conferenza stampa fa il punto sulla rassegna multisettore, in programma da sabato 10 a domenica 18 settembre, e sugli obiettivi strategici dell’Ente. “Il format della Campionaria – ha sottolineato – necessita di un restyling ma sarà sempre riservato al grande pubblico. Mi piacerebbe dar vita a una fiera del bello e del buono sostenibile ma su questo sarà opportuna una riflessione profonda, subito dopo la fine di quest’edizione, assieme agli Enti fondatori e ai cittadini. Intanto abbiamo confermato i Saloni specializzati degli ultimi anni e venduto quasi tutti gli spazi disponibili nonostante la crisi e la mancata apertura del nuovo padiglione, che sarà presto il nucleo di un polo congressuale di eccellenza assieme al rinnovato Palazzo del Mezzogiorno. La Fiera deve essere efficiente, avere contenuti e contenitori moderni e produrre lavoro, non distruggerlo”.

Viesti – secondo il presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, intervenuto in videoconferenza da Roma – “sta veicolando la Fiera da una storia antica a un mondo nuovo. La semina degli ultimi anni, ad iniziare dai nuovi padiglioni, potrà rilanciare il turismo congressuale. Intanto il Mezzogiorno è ferito e l’Europa è smarrita. Ma noi non vogliamo solo lamentarci. La Fiera deve agire da apripista: se saremo bravi l’anno prossimo non si vedrà più una larva ma una farfalla”.

 

 

Fonte: Fiera del Levante