Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

“La Puglia ha avviato dal 2008 rapporti istituzionali con il Guangdong. Da allora abbiamo  bruciato le tappe: in questi ultimi mesi sono maturate sia iniziative che coinvolgono le imprese, sia incontri politici ai massimi livelli che forniscono una cornice autorevole e necessaria”. Lo ha detto il presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, incontrando a Canton gli esponenti delle istituzioni della provincia cinese del Guangdong e dei distretti produttivi e tecnologici pugliesi. 


“Il protocollo d'intesa con il segretario del Partito Comunista del Guangdong, Wang Yang, che abbiamo siglato a Bari lo scorso giugno - ha detto Nichi Vendola - non ha solo un carattere formale ma è una cornice ideale per ulteriori passi avanti”. “Il cuore dell'agenda politica di questa Provincia – ha proseguito il governatore - è la protezione ambientale, dalle questioni legate alla gestione del ciclo dell'acqua, ai cambiamenti climatici, all'utilizzo di energie rinnovabili. La Puglia è consapevole di costituire un esempio di riferimento per l'applicazione delle tecnologie green”. Dagli esiti degli incontri tra imprenditori pugliesi e cinesi e dall'esame dei bisogni locali è emersa come ipotesi di lavoro l'individuazione di un’area urbana pilota nel Guangdong per un progetto integrato nei settori ambiente-energia-edilizia.

Il presidente Vendola ha salutato il segretario del Partito Comunista Wang Yang in un incontro definito ''cordiale'' di oltre 30 minuti, durante il quale è stata confermata la comune volontà di rafforzare gli scambi a livello culturale e turistico e di rafforzare le relazioni istituzionali. Nel corso dell'incontro, Wang Yang ha espresso ''forte interesse'' sulla proposta di Vendola di aprire a Bari un Istituto Confucio che potrebbe supportare, tramite un accordo tra Università pugliesi e Guangdong, la promozione in Puglia e nel sud Italia della lingua e cultura cinese.

Vendola e Wang Yang hanno poi concordato sulla volontà di lavorare congiuntamente e nell'ambito dell'accordo Mae-Guangdong, sullo scambio di manager (ad esempio nel settore delle energie rinnovabili tra quelle partecipanti al Progetto Renewal) e studenti italiani (per esempio tra quelli delle Università partecipanti alla creazione dell'Istituto Confucio) e cinesi, offrendo un canale privilegiato a quelli pugliesi. Infine, Vendola si è complimentato per l'accordo di gemellaggio/partenariato recentemente firmato tra il presidente del porto di Taranto e il direttore del porto di Shenzen per intensificare gli scambi tra i due Paesi. Ha inoltre ribadito la volontà di collaborare per offrire una piattaforma logistica integrata per il Guangdong in Europa.