Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Nell’ambito del progetto “CHEDE-MED - Ciclo di alti studi per lo sviluppo economico del Mediterraneo”, Silvia Godelli, Assessore al Mediterraneo, Cultura e Turismo della Regione Puglia, incontra in Mediateca una delegazione di dirigenti e rappresentanti di organizzazioni pubbliche e private, provenienti da Francia, Spagna, Marocco e Libano. Al via opportunità di contatto e di relazioni internazionali per la Puglia, attraverso anche l’Istituto Agronomico Mediterraneo, Confindustria Bari-BAT, l'Università di Bari, ARTI, Fiera del Levante.


Ai componenti della delegazione, interessati a conoscere in maniera approfondita e diretta la struttura economica e le competenze presenti in Puglia, sono state presentate le eccellenze del territorio ed illustrate le peculiarità dei settori produttivi di punta o di maggiore potenzialità delle province di Bari e BAT. In agenda, visite in aziende leader nel comparto industriale ed incontri istituzionali con esperti della ricerca e dei distretti tecnologici, per indagare e sviluppare a più livelli la cooperazione politica-economica euromediterranea. Centrati, pertanto, gli obiettivi del progetto “CHEDE-MED”, nell’intento di creare sia occasioni di dialogo tra i responsabili del settore pubblico e privato, sia una rete tra i soggetti attori dello sviluppo economico dell’area mediterranea.

All'Assessore al Mediterraneo, Cultura e Turismo, Silvia Godelli e a Claudio Polignano, Task Force Cooperazione Territoriale della Regione Puglia, in particolare, il compito di illustrare le attività di collaborazione già avviate dalla Puglia con i paesi del Mediterraneo. “Dal 2005 la nostra regione ha intrapreso rapporti di natura culturale, sociale ed economica con tante realtà che abitano le sponde del Mediterraneo ed oltre, all’insegna di una visione di reciprocità e pacificazione, e facendo leva su un partenariato saldamente costruito in Puglia tra municipalità, autorità portuale, fiere, università, ecc. – ha spiegato Godelli – Tanti i percorsi virtuosi e sinergici attivati nei territori; innumerevoli le esperienze ed il trasferimento di best practices e know how tra le reti, sempre con l’obiettivo di spingerci verso l’integrazione di un’area euro-afro-mediterranea”.  “Oggi abbiamo superato la logica della cooperazione - ha continuato l’Assessore – e lavoriamo in prospettiva di alleanze per interessi comuni, senza un’idea assistenzialistica ma di sviluppo”.

Tutta l'organizzazione della visita in Puglia è stata curata della Scuola superiore dell'Economia e delle Finanze "Ezio Vanoni" di Roma, che partecipa al Progetto CHEDE-MED insieme a similari istituzioni di Spagna, Francia, Libano e Marocco.

Approfondimenti: icon Progetto CHEDEMED.