Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Giovedì 12 gennaio, presso la Sala Giunta Palazzo Dogana di Foggia, si terrà il convegno “La geotermia e le energie rinnovabili a basso impatto ambientale” nell’ambito di “Aspettando Mediterre 2012”, appuntamento internazionale organizzato dalla Regione Puglia e Federparchi con la collaborazione dell’Ente Parco Nazionale del Gargano e dell’Ente Parco Nazionale dell’Alta Murgia.


La sfida della Puglia per le energie rinnovabili, la battaglia per un ambiente sostenibile, la sensibilizzazione al rispetto della natura, le tecniche per la produzione di energia a impatto zero e gli studi sulla conservazione delle aree protette. Una task force pacifica si ritroverà per riflettere insieme su temi così importanti e delicati che rientrano nell’ambito degli incontri organizzati nell’anteprima dell’appuntamento internazionale ‘Mediterre 2012 –Cantiere Euromediterraneo della sostenibilità’, in programma a Bari dal 30 gennaio al 5 febbraio. Durante il convegno sarà presentato il Progetto VIGOR - Valutazione del potenziale geotermico nelle Regioni della Convergenza, finanziato dalla linea di attività 1.4. del POI Energia - Programma Operativo sulle Energie rinnovabili e Risparmio Energetico.

A fare gli onori di casa, per aprire la giornata di discussione su "La geotermia e le energie rinnovabili a basso impatto ambientale" ci sarà il commissario dell’ente parco nazionale del Gargano Stefano Pecorella insieme a molti altri esperti del settore ambientale e della ricerca. Un filo conduttore unirà tutti i punti su cui si soffermeranno: il valore della versatilità della energia geotermica nel campo strettamente naturalistico e in quello più duttile e utilitaristico della edilizia sostenibile, passando per le politiche energetiche per l’efficientamento e la produzione di energia a impatto zero. Interverranno anche Enrico Brugnoli, direttore del dipartimento Terra e Ambiente del Comitato Nazionale delle Ricerche, Vito Felice Uricchio del Comitato Nazionale delle Ricerche, Matteo Rinaldi dell’ente parco Gargano, Alessandro Reina, presidente dell’Ordine dei Geologi, Salvatore Matarrese, presidente del distretto produttivo Edilizia Sostenibile e Gian Maria Gasperi, rappresentante del distretto per l’Ambiente e Riutilizzo.

Approfondimenti: Programma Geotermia 12 gennaio 2012.