Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

“Lavoriamo insieme ad un Piano d’azione per la green economy nel Mediterraneo”. È l’invito che Christophe Nuttall, direttore esecutivo della rete R20, ha rivolto al Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola, nell’ambito del convegno di Mediterre 2012 dedicato a “Rio +20. L’impegno delle istituzioni per la costruzione di uno sviluppo durevole”. L’intesa Vendola-Schwarzenegger (Puglia-R20) sarà sottoscritta a Ginevra il 7 marzo 2012, nel corso dell’assemblea generale di R20, in vista del vertice mondiale sullo sviluppo sostenibile Rio+20 in giugno prossimo.


R20 sostanzialmente ha offerto alla Puglia “grazie proprio al ruolo internazionale del Presidente Vendola” la leadership politica ed operativa per lanciare un Piano d’azione per lo sviluppo della green economy nel Mediterraneo, da attuarsi assieme all’Assemblea delle Regioni d’Europa, guidata dalla Presidente della regione di Parigi, Michèle Sabban. “Sono molto felice  - ha detto Vendola - dell’invito che mi ha rivolto il direttore Nuttall di R20, di lavorare cioè per far vivere anche nel Mediterraneo una rete di regioni che insieme possano stringere un patto di salvaguardia dell’ambiente, un patto di buone pratiche”. Vendola ha anche parlato della necessità di “una banca ecologica europea, un luogo in cui si possono radiografare le criticità e mettere insieme tutte le buone pratiche in tema di gestione dell’acqua, dei rifiuti, del ciclo energetico, dei parchi. In questo modo si favorisce lo scambio tra i soggetti che vi partecipano, diffondendo così la cultura della sostenibilità. La crisi ambientale deve essere messa al centro della discussione politica. Occorre ritrovarci tutti in un’agorà ambientale”.

A novembre del 2010 a Sacramento, in California, si è svolto il terzo “Governors Global Climate Summit: Building the Green Economy” e l’unica regione italiana invitata a sottoscrivere una carta d’intenti come co-fondatrice della nuova R20, la rete mondiale delle Regioni nata per contrastare gli effetti del cambiamento climatico, è stata la Puglia del Presidente Vendola.

R20 Regioni per la lotta contro il cambiamento climatico, è un’organizzazione no profit fondata dall’allora governatore della California Arnold Schwarznegger e da altri leader globali, in cooperazione con le Nazioni Unite. R20 è dunque un’alleanza di parters guidata da governi regionali che lavorano per promuovere e implementare progetti che portino benefici ambientali ed economici a livello locale, nei settori dell’efficienza energetica, della riduzione delle emissioni di anidride carbonica in atmosfera, della green economy e dell’incremento occupazionale. L’azione svolta a livello regionale è cruciale per raggiungere gli obiettivi fissati a livello globale in campo economico e ambientale. Il presidente onorario è Arnold Schwarznegger e ne sono membri regioni appartenenti a tutti i continenti, tra cui anche la Puglia. R20 ha già lanciato dei progetti concreti di cooperazione con la Cina e l’India e intende ora sviluppare la sua azione nell’area euro-mediterranea, per inserire la “prospettiva sud-nord” (Europa-Mediterraneo) nell’”asse est-ovest” (California-Cina e India) già esistente.