Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Lo sviluppo del turismo come diretta conseguenza di una maggiore attenzione alla cultura e alla creatività: così la Puglia è riuscita a creare una “dimensione diffusa del turismo sull'intero territorio regionale” e una crescita particolare a livello locale. Ad illustrare il cammino della Regione nel cinema, nello spettacolo e nell'arte contemporanea è stata l’Assessore al Mediterraneo, Cultura e Turismo, Silvia Godelli, durante un seminario internazionale sull'industria creativa a Bruxelles.


"Noi abbiamo voluto sviluppare cultura e creatività come valore di sviluppo civile, ma abbiamo immediatamente sperimentato che questo comportava la crescita del turismo", ha spiegato l'assessore: "Abbiamo verificato che investire in cultura, cioè in cinema, spettacolo dal vivo e arti contemporanee, ha creato la possibilità di una dimensione diffusa del turismo sull'intero territorio regionale e uno sviluppo locale molto acuto". Per questo, ha sottolineato, "ora la cultura è percepita come motore di sviluppo". Il turismo, quindi, "è diventato una variabile dipendente, ma essendo una variabile dipendente ovviamente è un elemento particolare di natura strategica". I risultati si vedono: dal 2006 al 2011 la quota di Pil legata al turismo è passata dal 3% del Pil regionale all'8,1%.

La Regione lavora adesso su segmenti che la "caratterizzano" - l'enogastronomia, il devozionale ed i siti Unesco - per "andare sui grandi mercati, come la Russia, il Giappone e in parte l'India". E anche qui già si registra una forte crescita del turismo estero: nel "solo 2011 - ha spiegato la Godelli - a Bari, che è una città di culto internazionale per San Nicola, abbiamo avuto un incremento del 40% del turismo dalla Russia". Una politica, questa, che nel periodo 2014-2020 del programma comunitario richiederà investimenti per circa 80 milioni di euro, rispetto "agli oltre 100 milioni di euro, comprensivi dei fondi per la promozione turistica, investiti nel periodo 2007-2013 tra cultura, creatività e turismo".

Approfondimenti: Bit Milano - l'intervista all'Assessore Silvia Godelli su AntennaSud Pomeriggio.