Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

“Per creare una rete ampia e solida, è necessario monitorare e valutare l’efficacia degli interventi”. Così l’Assessore al Mediterraneo, Cultura e Turismo della Regione, Puglia Silvia, ha introdotto la prima edizione del Meeting “Puglia for Africa – Esperienze a confronto tra Associazioni di volontariato pugliesi operanti nell’Africa” organizzato dall’Associazione Kirikù e la Strega Povertà Onlus di Sannicandro di Bari, insieme a Centro Servizi al Volontariato San Nicola, Regione Puglia e Autorità Portuale del Levante.


“In Puglia può risultare utile estendere all’intero ambito regionale il network per la cooperazione nel continente africano – ha continuato Godelli – per avere una ricognizione di quello che si fa e consapevolezza dell’impegno da assumere, per far crescere il desiderio di essere presenti ma anche per esercitare in qualche modo una sorta di tutorato nei confronti dei più giovani, dei più inesperti, dei più volenterosi”. Tra i consigli dell’Assessore alle oltre 15 associazioni di volontariato riunitesi a Sannicandro di Bari, anche l’idea di “mappare l’Africa, descrivendo le tante ricchezze e le tante povertà, le tante evoluzioni e le tante arretratezze”. “Questo contribuirà a far capire all’opinione pubblica – ha spiegato – che la questione Africa è di assoluta importanza, rappresenta una terra vicina, un continente da cui arrivano molti migranti in Italia ed in Europa. Ed i migranti sono portatori non solo dei loro bisogni ma anche delle loro culture. Chi lavora come volontario in Africa ha l’obiettivo di migliorare le condizioni di vita e dunque è parte integrante del processo di sviluppo e solidarietà”. “Questa è la logica della cooperazione – ha concluso Godelli – Il nostro cervello si addestra a fare uno sforzo di identificazione con l’altro, in una dimensione di speranza, guardando avanti, non importa se religiosamente o laicamente ma con forte vitalità”.

Tante le esperienze e diversi gli scambi di know how emersi nel corso del meeting sulle attività di volontariato messe in atto fino ad oggi nell’Africa sub sahariana. Ora, con il coordinamento dell’Associazione Kirikù e la Strega Povertà Onlus si pensa già a costituire una vera e propria rete, che operi in piena sinergia.

Approfondimenti:
- Le attività di costituzione della rete potranno essere seguiti sul sito internet Kirikuonlus.it (per informazioni: tel. 340.1880428)
icon Report Meeting_Puglia for Africa (874.72 kB)
Video Kirikù e la Strega Povertà Onlus
- Video meeting (I-II-III parte).