Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

“Linking Renewable Energy to Rural Development: Drivers and Constraints” è il titolo della Conferenza organizzata dall`OCSE presso la sede dell`Organizzazione parigina. Il Presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, interverrà nella sessione di apertura giovedì 14 giugno, assieme al Segretario Generale dell`OCSE, Angel Gurria.La conferenza intende approfondire l`impatto economico delle energie rinnovabili nelle aree rurali, il nesso con l`innovazione a livello locale e i meccanismi di governance.


La Regione Puglia è una delle sedici regioni prese ad esame dall`OCSE nella nuova pubblicazione “Linking Renewable Energy to Rural Development” che analizza come le regioni possono utilizzare le energie rinnovabili per creare opportunità di lavoro stabile e di qualità, favorire gli investimenti e il capitale umano, creare un`efficace cornice istituzionale. La Puglia è la regione italiana più attiva nel campo delle rinnovabili (sia nel fotovoltaico, che nell'eolico è la regione con la capacità installata più elevata). Nell’ultimo periodo di programmazione 2006-2013, la Puglia è stata designata regione capofila di un ambizioso progetto industriale ed energetico, cofinanziato da fondi strutturali, per sostenere la specializzazione del Mezzogiorno nel settore delle energie rinnovabili. Il finanziamento totale allocato in questa iniziativa è di 1.6 miliardi di euro. Lo studio OCSE dimostra come la Puglia, dopo aver per prima sperimentato le problematiche legate ad una politica per l’energia rinnovabile così ambiziosa, si sia impegnata in un laborioso processo di rimodulazione degli interventi, testando soluzioni innovative, puntando di più sulla piccola scala ed il coinvolgimento di gruppi e comunità rurali, accumulando così un importante bagaglio di esperienze valide anche a livello centrale.