Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Si svolgerà venerdì 22 giugno, a partire dalle ore 9.00, nell’ex Palazzo delle Poste a Bari (Piazza Cesare Battisti ) la 15^ edizione del workshop della Biblioteca del Consiglio Regionale della Puglia, dal titolo “Espressioni d’arte in biblioteca. La cultura attraversa cinema, musica e teatro”. Nato per essere un momento scientifico di incontro e confronto tra bibliotecari, tecnici e ricercatori, permette di conoscere le esperienze nel settore biblioteconomico - gestionale realizzate in Puglia, in Italia, e nei Paesi del Mediterraneo.


Alla luce del ruolo assunto dalle Biblioteche e dai Centri di documentazione nella società contemporanea e globalizzata, il workshop intende riflettere sui fattori sociali ed economici che portano le biblioteche ad intervenire nella società. La Biblioteca del Consiglio Regionale con “Espressioni d’arte in biblioteca” vuole promuovere lo sviluppo di modelli sistemici di crescita della cultura che superino la frammentarietà per giungere ad una unità di organizzazione e realizzazione. La cultura, in questa vetrina, attraversa una rete di sinergie, tra musica, cinema e teatro, utili a favorire la partecipazione attiva dell’utenza e sviluppare quel senso critico, fondamentale per la crescita di una comunità civile e democratica. Sotto questo punto di vista le espressioni artistiche rappresentano efficaci strumenti di mediazione e di riconciliazione, rafforzando l’integrazione e la coesione tra i popoli.

La società moderna designa alle biblioteche un nuovo ruolo, non più luoghi di programmazione culturale pura, ma laboratori di contaminazione e sperimentazione anche del cinema, del teatro e della musica che, in un’ottica di welfare culturale, rappresentano un veicolo di promozione sociale e di cittadinanza attiva. È possibile iscriversi entro il 20 giugno.

Approfondimenti.