Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

“Abbiamo molto amore nei confronti del popolo palestinese e ci sentiamo vicini alla battaglia che il popolo palestinese fa perché venga riconosciuto il diritto alla terra e alla patria”. Così il Presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, incontrando in Presidenza alcuni bambini palestinesi, ospiti della Città di Grottaglie. I ragazzi hanno raggiunto la città ionica nell’ambito di un progetto umanitario sostenuto dall’ARCI e dalla ONG “Remedial Education Center” di Gaza. 


“È stata un’autentica peripezia per questi bambini – ha continuato Vendola – uscire da Gaza, raggiungere il nostro Paese ed essere ospitati qui in Puglia. Sono bambini che appartengono ad un popolo che vive una condizione di prostrazione e di violenza, sono volti che ci ricordano che non tutti i bambini del mondo vivono con eguali diritti. Noi stiamo lottando perché tutti i bambini del mondo abbiano gli stessi diritti e la Palestina, per noi, è il simbolo di una violenza che viene perpetrata nei confronti di un popolo e dei suoi figli”.

Il Presidente Vendola ha poi consegnato ai piccoli ospiti un aquilone. “Abbiamo pensato di dare loro un dono: c’è un gioco, l’aquilone, che in qualunque parte del mondo è il simbolo della voglia di libertà. Anche i bambini di un Paese come l’Afghanistan, che è stato molto oppressivo, usavano giocare con questo giocattolo e, allora, un aquilone per far spiccare il volo ai loro sogni”. “È stata una grande gioia poterli accogliere – ha commentato Vendola alla fine dell’incontro - poter ascoltare la loro voce, vedere la loro allegria, ma anche la malinconia che si portano dentro, quella di dover vivere in pochi metri quadrati, senza prospettive di crescita e di sviluppo, e orfani di una patria. Per noi è stato il momento in cui rinnoviamo la nostra amicizia con il popolo palestinese e il nostro impegno a batterci perché i loro diritti possano essere accolti dalla comunità internazionale e riconosciuti nella loro terra”.