Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

“La Puglia non è il Sud da bocciare, è il Sud che ha la schiena dritta e lotta per migliorare. Io mi ribello all’idea che siamo tutti uguali e che il Sud è il luogo dell’incapacità, dello spreco e del parassitismo. C’è Sud e Sud”. Lo ha detto il Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola a Bruxelles, a margine dell’apertura dell’undicesima edizione degli Open Days, la settimana europea delle città e delle regioni. 

“Si dica la verità. Non si parli delle regioni genericamente. Si dica chi è promosso e chi è bocciato – ha continuato Vendola – perché occorre saper distinguere. La Puglia è conosciuta per essere capace di spendere e di spendere bene. Noi infatti veniamo continuamente gratificati dalla Commissione europea per questa capacità di diventare lentamente ma inesorabilmente regione smart, cioè una regione intelligente. Ecco io vorrei che tutti quanti imparassero a dare colpe e meriti a chi ha colpe e meriti”.

Per Vendola quindi “non siamo tutti uguali e neanche le regioni del sud lo sono”. “Io mi ribello all’idea di finire dentro uno stereotipo, dentro un pregiudizio – ha aggiunto Vendola - ognuno risponda di ciò che ha fatto”. “La mia impressione, dopo aver ascoltato il dibattito di questo pomeriggio con il Commissario Hahn – ha continuato Vendola - è che a Bruxelles giungano molto ovattati i rumori di una Europa che si sta schiantando”.

Vendola poi è tornato sul tema del Patto di stabilità. “Per quanto riguarda invece la spesa europea, io, da italiano, governatore di una regione del Sud – ha aggiunto il Presidente - continuo a chiedere perché mi viene impedito di spendere, perché devo guidare con il freno a mano, perché sul cofinanziamento necessario per attivare le risorse comunitarie devo continuare a subire la vessazione del patto di stabilità, perché al Ministero della coesione mi dicono che devo spendere e a quello dell’economia invece mi dicono che se spendo sarò punito. Ecco, queste domande vorrei che qualche volta incontrassero una risposta”.

Questa mattina poi il Presidente Vendola ha incontrato l’Ambasciatore italiano a Bruxelles, Alfredo Bastianelli, con il quale ha dialogato sulle eccellenze pugliesi sia in materia di innovazione tecnologica e sociale che di attrattività turistica.

La missione del presidente Vendola a Bruxelles continuerà domani, 8 ottobre, con la partecipazione all’inaugurazione della mostra fotografica 100 Soluzioni urbane, organizzata dalla Direzione politiche regionali della Commissione europea. Il Commissario europeo alle politiche regionali Johannes Hahn aprirà la mostra, allestita in piazza Jean Rey e visitabile sino al 31 ottobre: tra le 100 buone pratiche messe in evidenza dalla Direzione politiche regionali della Commissione europea solo due sono italiane e tra queste una è pugliese. Si tratta del programma Bollenti spiriti.

Nel pomeriggio, alle ore 18.00, il Presidente Vendola parteciperà infine all’inaugurazione dell’esibizione NEREUS, nell’ambito della manifestazione Open Days, sul tema “Soluzioni innovative per il trasporto urbano sostenibile tramite l’utilizzo di tecnologie spaziali e dell’ICT”. L’evento si svolgerà presso la Sede di Bruxelles della Regione francese Midi Pyrenees che in Tolosa ha uno dei più grandi distretti europei dell’aerospazio (Avenue de Cortenberg 116)