Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Dopo l’approvazione del decreto contro il femminicidio in legge (L.1540/2013), lo scorso 11 ottobre, e in previsione della Giornata internazionale contro la violenza di genere, prevista per il prossimo 25 novembre, è necessario fare chiarezza sulle questioni centrali in tema di antiviolenza in Puglia.  Giovedì 21 novembre alle ore 12, presso la sala stampa della Giunta regionale, il Presidente Nichi Vendola insieme con l’assessore al Welfare e Salute Elena Gentile, terranno a tal fine una conferenza stampa.

Nel corso della conferenza verranno illustrate le azioni messe in campo dalla Regione Puglia per il contrasto alla violenza di genere e verranno presentati i dettagli sullo stato di avanzamento della legge regionale contro la violenza alle donne e sulle iniziative di informazione e sensibilizzazione dei Centri Antiviolenza e delle Associazioni femminili pugliesi programmate in occasione della Giornata mondiale contro la violenza di genere.

L’incontro con i giornalisti sarà l’occasione per aggiornare i dati del monitoraggio effettuato con la collaborazione dei Centri antiviolenza e per illustrare le prossime attività della Campagna regionale di sensibilizzazione contro la violenza sulle donne Troppo amore: sbagliato! realizzata in collaborazione con il Teatro Pubblico Pugliese e la Consigliera Regionale di parità, anche attraverso il coinvolgimento di tutte le scuole secondarie pugliesi, in accordo con l’Ufficio Scolastico Regionale.