Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

“Senza memoria non c’è futuro, non c’è civiltà. Questo il monito che, ancora una volta, vogliamo lanciare a tutti gli uomini e a tutte le donne, giovani o anziani, potenti o umili, che vogliono guardare avanti e hanno a cuore le sorti del mondo.” Così Silvia Godelli annunciando la VI edizione del Mese della Memoria, il cui programma verrà presentato venerdì 17 gennaio, alle ore 11.30, presso la Presidenza della Regione Puglia (Lungomare Nazario Sauro, Bari).

Interverranno: Silvia Godelli, Assessore al Mediterraneo, Cultura, Turismo Regione Puglia; Marina Losappio, Presidente Associazione i Presìdi del Libro; Gilda Melfi, Coordinatrice nazionale Associazione i Presìdi del Libro.

Per il sesto anno consecutivo l'Associazione Presìdi del libro progetta e organizza, su affidamento dell'Assessorato al Mediterraneo, Cultura, Turismo della Regione Puglia le iniziative del "Mese della Memoria" che, dal 27 gennaio per tutto il mese successivo, si articoleranno in incontri e conversazioni con gli autori, concerti, mostre, reading e letture teatrali su tutto il territorio regionale.

Per la prima volta quest'anno parteciperanno alle iniziative anche alcuni presìdi fuori di Puglia, all'insegna della educazione alla tolleranza e all'impegno contro il razzismo.

Il titolo scelto per la sesta edizione è “Parole che non si possono perdere”, che vuole sottolineare il pericolo degli "abusi della memoria", cioè la banalizzazione e la negazione della stessa. Il focus di questa edizione è dunque incentrato sul tema del negazionismo che torna a penetrare insidiosamente, insieme all'antisemitismo, le subculture della società attuale.