Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Inaugurato sabato 1° marzo 2014 a Foggia il terzo Cineporto di Apulia Film Commission, uno spazio polifunzionale destinato all’accoglienza delle produzioni audiovisive e all’organizzazione di attività culturali. Il Cineporto di Foggia, realizzato all’interno dell’ex Mediafarm in via San Severo, mira a diventare un punto di riferimento per l’accoglienza delle produzioni che girano in Puglia e per i professionisti e gli operatori della filiera dell’audiovisivo presenti in Capitanata.

Come già avvenuto a Bari e Lecce, il Cineporto foggiano nasce strategicamente in una zona periferica della città con l’obiettivo di contribuire, attraverso la presenza delle produzioni accolte e gli eventi e le attività culturali, alla riqualificazione urbanistica dell’area che lo ospita.

Il Cineporto di Foggia viene avviato grazie ad una convenzione con Promodaunia, una società consortile pubblica costituita dalla Provincia di Foggia e si estende su circa 3.000 mq. Ha a disposizione, uffici, sale casting, sala di proiezione e un vasto parcheggio per cinemobili.

“Attorno all’Apulia Film Commission abbiamo oggi una rete di cineporti che fa della nostra regione un caso unico in Italia. - ha commentato in un videomessaggio il presidente della Regione Puglia Nichi Vendola - Tutto il cinema italiano e una parte rilevante di quello internazionale guarda alla Puglia come a un crocevia di cultura, creatività e buona economia. Abbiamo voluto investire sul cinema e lo facciamo oggi in un quartiere periferico di Foggia, perché immaginiamo il cineporto in grado anche di irradiare una luce buona su tutto il quartiere, su tutta la città e di diventare un motivo di vita nuova”.

“In pochi anni - ha aggiunto l’assessore al Mediterraneo, Cultura e Turismo Silvia Godelli - la Regione Puglia attraverso la Apulia Film Commission ha saputo lanciare un filone dell’impresa creativa che ci segnala quale realtà di punta dell’intera Unione Europea, di cui abbiamo saputo anticipare visione e politiche. La presenza a Foggia del nuovo polo dell’audiovisivo permetterà d’ora in avanti anche al Nord della Puglia, dal capoluogo al Gargano ai Monti Dauni, dai borghi della spiritualità alla foresta al mare, di offrire servizi di altissima qualità alle produzioni cinematografiche e televisive, attirandole su un territorio di straordinaria bellezza e di fascinosa molteplicità”.

All’incontro, moderato dal direttore di Apulia Film Commission Silvio Maselli, è intervenuta anche la presidente Antonella Gaeta: “Abbiamo imparato in questi anni a pensare e vivere i cineporti, come case aperte a chi ama il cinema e lo vive come prospettiva. Come luoghi di inclusione, di riduzione delle distanze, di immaginazione di spazi e tempi migliori. Con questa visione, rinnovata anche per il nostro terzo Cineporto di Foggia, diamo inizio a un percorso che porti tutti noi a esercitare insieme la pratica quotidiana del cinema”.

Le attività e l’attrezzaggio dei tre Cineporti di Puglia, sono finanziati attraverso Fondi Strutturali Europei (FESR), gli strumenti dell’Unione Europea per i progetti di sviluppo all’interno degli Stati Membri. Un investimento sull’industria e la promozione audiovisiva reso possibile grazie al lavoro della Regione Puglia, che ha inserito nell’obiettivo convergenza le linee di finanziamento alla cultura e alla creatività nei contenuti dell’Asse 4. Una delle pochissime regioni in Italia ad utilizzare i fondi FESR per le attività culturali, la Puglia per il 2013 ha superato i target di spesa dei programmi operativi del 19%.