Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Con la partecipazione dell'Assessore regionale al Mediterraneo, Cultura e Turismo Silvia Godelli, di Ermal Dredha, Console Generale albanese a Bari, e di Enron Seiti, project manager di Tirana, sabato 5 aprile alle ore 10,30, presso il Fortino di Bari, l'associazione “Noi che l'Arte” presenta l'organizzazione no-profit albanese “Help the Life” che lavora nel campo delle disabilità fisiche e intellettive. Apriranno i lavori il Presidente di “Noi che l’Arte”, Massimo Diodati, e il Curatore dell’evento Anna Maria Capparelli.

Help the life, organizzazione no-profit di respiro nazionale, nata nel 1998 a Tirana per iniziativa di un gruppo di genitori di bambini e ragazzi affetti da disabilità fisiche e mentali, sviluppa i suoi programmi in un Centro di servizi psico-socio-educativi inaugurato nel 2009 ed è impegnata anche nella tutela dei diritti dei soggetti svantaggiati e nel miglioramento della legislazione nazionale che li riguarda.

La presentazione a Bari del sodalizio da parte di Noi che l’Arte avrà lo scopo di mettere in luce il lavoro di questa realtà albanese che ha preso forma e si adopera in un clima sfavorevole all’inclusione di gruppi svantaggiati e soprattutto vorrà sensibilizzare istituzioni e operatori all’intensificazione di quella cooperazione transnazionale e internazionale che assume sempre più rilievo in vista dell’avvicinamento di tutta l’area balcanica all’Unione Europea nell’ambito dei programmi supportati dal Consiglio d’Europa.

A Bari i delegati albanesi di Help the Life, racconteranno le esperienze del loro Centro in cui sinora 362 soggetti di età compresa tra i 6 e i 30 anni, sono stati presi in carico e integrati giornalmente in servizi per la comunità con il supporto di un team multidisciplinare, forniranno dettagli sui servizi e spiegheranno l’importanza di un lavoro comune.