Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Inchieste e reportage per raccontare i conflitti e le missioni di pace. Anche quest’anno la Città di Otranto ospita la 6° edizione del Concorso Internazionale “Giornalisti del Mediterraneo”. L’evento si terrà tra le antiche mura del borgo medioevale il 13 settembre 2014. Il premio è promosso dall’associazione “Terra del Mediterraneo”, in partnership con il Comune di Otranto ed Europuglia, portale di promozione delle attività e dei progetti del Servizio Mediterraneo della Regione Puglia.

L’iniziativa annovera il patrocinio istituzionale delle Ambasciate di Albania, Cipro, Marocco, della Regione Puglia, Assessorato al Mediterraneo, della Provincia di Lecce, del Corpo Consolare di Puglia, Basilicata e Molise e dell’Assemblea Parlamentare del Mediterraneo.

Il concorso si articolerà in due sezioni: Primavera Araba e Mediterraneo; Bambini nei Conflitti di Guerra. È possibile scaricare il bando dal sito www.giornalistidelmediterraneo.it o chiedere informazioni chiamando il numero 346.8262198346.8262198 . I lavori dovranno prevenire entro e non oltre il 7 giugno 2014.

“Il premio è un appuntamento consolidato - spiega Tommaso Forte, giornalista e organizzatore dell’evento - in cui la stampa internazionale è attenta alle dinamiche del Mediterraneo. Tante le adesioni di giornalisti che giungono da tutta Europa per partecipare con i reportage e per raccontare gli avvenimenti, spesso sconosciuti, di un mare e di una terra in cui i conflitti feriscono interi popoli”.

“Rinnoviamo l’ospitalità ai giornalisti nella nostra città - aggiunge Luciano Cariddi, sindaco di Otranto - perché la nostra cultura è legata all’accoglienza e, quindi, alla cordialità dei popoli e delle molteplici culture del Mediterraneo. Le porte di questa antica città sono spalancate per tutti coloro i quali vorranno confrontarsi con la nostra tradizione, l’arte e la fede dei nostri martiri”.