Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Si svolge in questi giorni, fino al 26 novembre, la seconda edizione della “Settimana della Cucina Italiana nel Mondo”, appuntamento annuale sulla tradizione culinaria italiana con l’obiettivo di promuovere, a livello internazionale, i settori agroalimentare e vitivinicolo quali segni distintivi dell’identità italiana. Il progetto s’integra con le azioni previste dal Piano per la promozione straordinaria del Made in Italy, promosso dal Governo al fine di potenziare la distribuzione e la presenza commerciale dei prodotti del vero agroalimentare italiano, nonché con gli obiettivi del Piano Strategico del Turismo 2017-2022, volto a dare rilievo ai territori meno conosciuti all’estero.

Più di 1000 eventi in 110 Paesi: la seconda edizione della settimana mondiale della cucina italiana è iniziata e tante sono le iniziative organizzate da ambasciate, consolati e istituti culturali italiani. Tra queste, non mancano gli appuntamenti anche in Albania, presso le città di Tirana, Valona e Lezha. Giovedì 23 novembre, in particolare, serata “Puglia e Albania, due popoli, una tavola” organizzata dall’Ambasciata d‘Italia in Albania e la Regione Puglia: lo chef pugliese Leonardo Amoruso ed il suo “sous-chef” albanese Mentor Kenga presenteranno un menù degustativo di prodotti tipici pugliesi. La cena sarà preceduta da una rappresentazione teatrale dell’ARMAMAXA teatro, un racconto sul cibo e sulle tipicità della Puglia e dell’Albania.

In generale, gli assi portanti della seconda edizione della “Settimana della Cucina Italiana nel Mondo”, sono: il binomio “cucina e vino di qualità”; la tutela e la valorizzazione dei prodotti a denominazione protetta e controllata unitamente ad azioni di diffusione dei metodi italiani di protezione dei marchi che sviluppino iniziative di contrasto al fenomeno dell’Italian sounding; la promozione degli itinerari enogastronomici e turistici regionali; l’attenzione alla formazione nel settore alberghiero per sviluppare collaborazioni di lungo periodo tra cuochi italiani e locali; il sostegno alle candidature dell'arte dei pizzaioli napoletani e del sito “le Colline del Prosecco a Valdobbiadene” a patrimonio UNESCO; il sostegno alle produzioni tipiche delle Regioni colpite dal terremoto.

Consulta qui il PROGRAMMA DEGLI EVENTI in Albania!