Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Anche la Regione Puglia ha voluto dare il suo contributo al progetto di riorganizzazione della città di Tirana attraverso il nuovo piano regolatore chiamato "Tirana 2030" e firmato dall'architetto Stefano Boeri. Il progetto prevede anche un bosco orbitale, che abbraccia tutta la città, con oltre 3 milioni di alberi.

Nell'ambito della missione istituzionale in Albania del Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, presso l'area verde del lago di Farka i tecnici dell'ARIF, l'Agenzia Regionale per le attività Irrigue e Forestali, hanno avviato il lavoro di piantumazione dei 3.000 alberi donati dalla Regione.  Insieme con il Presidente Emiliano, anche il sindaco della città, Erion Veliaj.

"La Puglia mette le radici in Albania e non solo metaforicamente – ha detto Emiliano –si realizza un'idea del sindaco di Tirana che vuole creare uno dei più grandi boschi d'Europa piantati dall'uomo con milioni di alberi donati da tutti gli amici dell'Albania. La Puglia ha voluto donare alberi ed essenze pugliesi. Una nostra grande quercia si radica qui in Albania ed è un momento di grande felicità per me. I due popoli, quello pugliese e quello albanese, sono profondamente legati con un sentimento che unisce, che fa fare delle cose insieme e che dà senso alla vita delle nostre comunità".

"L'ulivo è il simbolo della dieta mediterranea – ha aggiunto  il Presidente Emiliano – è il simbolo di un modo di produrre cibo e promuovere la salute. E l'Albania in questo può fare tantissimo, si può produrre cibo in modo da migliorare la salute delle persone, ridurre i costi della sanità ma soprattutto far stare meglio le persone. È un settore che può creare business, può creare impresa, può creare sinergie. La Puglia e l'Albania lavorano insieme anche su altri temi, quale ad esempio la telemedicina o il trattamento delle acque, il rafforzamento della sua distribuzione o il sistema fognante di Tirana. Sono temi comuni tra noi, entrambi dobbiamo investire molto. Le cose – ha concluso Emiliano - le facciamo insieme e in questo modo diventiamo amici e l'amicizia garantisce la pace e anche il progresso economico".

Per il sindaco della città di Tirana, Erion Veliaj "è la prima volta che un ospite d'onore che ha anche la chiavi della città si comporta davvero come un cittadino di Tirana. Emiliano ha detto una cosa e l'ha mantenuta. C'è bisogno di chi si batta per la tutela dell'ambiente e dello sviluppo sostenibile". "Anzi – ha aggiunto il sindaco – ha mantenuto anche un po' più di quello che aveva promesso un paio di anni fa, ecco perché io lo apprezzo tantissimo. Qualche volta è meglio non promettere nulla, anziché venir meno alla parola data. Con questa bellissima donazione – ha concluso il Sindaco - abbiamo un gioiello della Puglia qui a Tirana ed io sono molto felice".

Per l'Ambasciatore italiano in Albania Alberto Cutillo "in questo caso la diplomazia è concreta grazie alle regioni italiane". "La Regione Puglia però – ha aggiunto l'Ambasciatore – è stata veramente esemplare. Come ambasciatore d'Italia io non ho favoritismi, tutte le regioni fanno un lavoro importante ma devo dire la Regione Puglia, non solo grazie alla prossimità geografica, ma grazie anche a questa vicinanza culturale ed umana, è veramente un esempio di collaborazione tra le due sponde dell' Adriatico".

Insieme con Emiliano, il direttore generale dell'ARIF, l'Agenzia Regionale per le attività Irrigue e Forestali, Domenico Ragno. "Abbiamo accolto con gioia l'iniziativa del Presidente – ha detto Ragno – abbiamo radunato  3000 piante della vegetazione  pugliese, e le abbiamo portate qui, ricostruendo una fratellanza sia ideale che materiale, rimettendo in comune queste piante che originariamente facevano parte di un unico ecosistema".
 

CARATTERISTICHE DEL BOSCO ORBITALE
Il progetto di riqualificazione di Tirana firmato dall'architetto Stefano Boeri prevede anche, oltre ad una serie di nuovi investimenti nei trasporti, nei servizi pubblici, nell'urbanistica, ampie aree verdi e corridoi ecologici utili per dare respiro ad una città fortemente inquinata e bloccare l'espansione disordinata di palazzi e cemento. È il cosiddetto Bosco orbitale, 3 milioni di nuovi alberi piantumati intorno alla città, la creazione di due anelli ciclabili, ampie aree pedonali, un'oasi verde attorno al lago di Farka e nuove fasce verdi lungo i corsi d'acqua. Le superfici verdi della città saranno triplicate e in questo progetto di espansione green la Regione Puglia ha donato oltre 3.000 alberi ed arbusti di macchia mediterranea al Comune di Tirana. L'area verde del lago di Farka avrà dunque un "Bosco Puglia", Parku i Puglias in albanese, circa un ettaro dove sono stati piantati lecci, querce, ginepro, corbezzolo, roverella, lentisco e tanto altro.