Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

convegnoPromosso dall'Università di Bari, insieme all’Assessorato al Mediterraneo della Regione Puglia, alla Fondazione Gramsci di Puglia, CESFORIA e Europe direct Puglia, si svolgerà il 21 e 22 ottobre il convegno su “Aldo Moro, l’Italia Repubblicana e i Balcani. Momenti e problemi della politica estera italiana 1963-1978”.


Il benvenuto sarà dato da Ennio Triggiani, Preside della Facoltà di Scienze Politiche, Grazia Distaso, Preside della Facoltà di Lettere, Franca Papa, Direttore del Dipartimento per lo studio delle società mediterranee, Luigi Masella, Direttore del Dipartimento Scienze storiche e sociali, Franco Botta, Presidente del Centro Studi e formazione nella relazioni interadriatiche.

Al convegno, che avrà inizio giovedì 21 ottobre alle ore 9 presso l'Aula Starace della Facoltà di Scienze politiche (Piazza Battisti 1, scala C, 2°piano), parteciperanno autorevoli studiosi della figura di Aldo Moro e dell’azione internazionale dell’Italia provenienti dalle principali Università italiane: Luciano Tosi (Università degli studi di Perugia) aprirà i lavori con la relazione “Alla ricerca di un nuovo ordine internazionale. La politica estera di Aldo Moro”; seguiranno gli interventi di Luca Riccardi (Università degli studi di Cassino) e di Lorenzo Medici (Università degli studi di Perugia) che discuteranno rispettivamente di “Ostpolitik di Moro. L’Italia e i rapporti politici con l’Europa comunista” e di “Diplomazia culturale italiana verso i Paesi comunisti balcanici”.

Tante altre relazioni animeranno la giornata, ognuna con approfondimenti storico-culturali diversi: “L’Italia repubblicana e l’Albania comunista” (Luca Micheletta – Università degli studi La Sapienza – Roma), “Tra aperture e neostalinismo: Italia e Romania negli anni Sessanta” (Alberto Basciani – Università degli studi Roma Tre), “L’azione internazionale del Partito Comunista Italiano fra Mediterraneo e Balcani 1963-1978” (Marco Galeazzi – Fondazione Istituto Gramsci – Roma), “L’Italia vista da Belgrado” (Massimo Bucarelli – Università degli studi La Sapienza – Roma), “I rapporti italo-bulgari nell’epoca della Distensione” (Federico Imperato – Università degli studi di Bari). E ancora: “L’Italia e la Grecia dalla dittatura militare al processo di democratizzazione” (Paolo Soave – Università degli studi di Siena), “L’ENI e le relazioni economiche fra Italia e Stati balcanici negli anni Sessanta e Settanta” (Rosario Milano), “Moro e gli accordi italo-jugoslavi di Osimo” (Luciano Monzali – Università degli studi di Bari). Tra gli studiosi, anche Luigi Vittorio Ferraris (Università degli studi La Sapienza – Roma), Italo Garzia (Università degli studi di Bari) e Francesco Caccamo (Università degli studi Gabriele D’Annunzio – Chieti-Pescara).

Venerdì 22 ottobre, poi, a conclusione del convegno, a partire dalle ore 9,30 si aprirà una tavola rotonda su “Aldo Moro e la politica estera italiana. Continuità e discontinuità nell’azione internazionale dell’Italia fra Prima e Seconda Repubblica” con la partecipazione dell’Assessore al Mediterraneo, Cultura e Turismo della Regione Puglia, Silvia Godelli, insieme a Emilio Colombo, Corrado Petrocelli, Ennio Triggiani, Giuseppe Giacovazzo, Giuseppe Vacca, Angelo Sanza, Franco Botta, Giuseppe De Tomaso, Luca Riccardi, Maddalena Tulanti.

Agli studenti della Facoltà di Scienze Politiche verrà riconosciuto 1 CFU per la partecipazione al convegno.

In allegato: icon Invito_Aldo Moro, l’Italia Repubblicana e i Balcani
 

 

Redazione Europuglia