Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Venerdì 4 febbraio, alle ore 10 presso la Mediateca della Regione Puglia (via Zanardelli, 36 - Bari), nell’ambito delle attività del Mese della Memoria sarà presentato il volume a cura di Laura Brazzo, Michele Sarfatti, “Gli ebrei in Albania sotto il fascismo. Una storia da ricostruire", edito dalla Giuntina di Firenze nel 2010.



Interverranno: l’Assessore al Mediterraneo Silvia Godelli; Michele Sarfatti, Direttore del Centro di Documentazione Ebraica Contemporanea (CDEC) di Milano; Luciano Monzali, docente di Storia delle Relazioni Internazionali, Università di Bari; Luigi Masella, Direttore del Dipartimento di Scienze Storico-Sociali della Università di Bari; Marina Losappio e Gilda Melfi dei Presidi del Libro.

Il volume è il frutto di una ricerca, avviata dalla Fondazione Centro di Documentazione Ebraica Contemporanea con il sostegno dell’Assessorato al Mediterraneo della Regione Puglia e condotta negli archivi albanesi, che ha permesso di ricostruire le vicende della presenza ebraica in Albania nel periodo della occupazione italiana. Nella ricostruzione delle complesse vicende degli ebrei in Europa nell'epoca della Shoah, scarsa attenzione è stata prestata prima d’ora a quelle degli ebrei in Albania.

Questo volume mette a fuoco per la prima volta quella pagina storica, dal Regno di Zog fino a tutto il periodo dell'Unione con l'Italia (aprile 1939 - settembre 1943). I saggi affrontano la condizione giuridica e sociale degli ebrei albanesi e profughi in quegli anni, nel contesto della situazione dei Balcani dell'epoca e del sistema di occupazione fascista, mettendo anche in rilievo temi connessi agli ebrei di Serbia, Macedonia e Montenegro che fuggirono o furono internati in Albania. Non manca un'analisi delle fonti d'archivio oggi disponibili in Italia e Albania, per una storia delle istituzioni e delle vicende albanesi negli anni del governo fascista.

Come scrive l’Assessore Godelli nella prefazione al volume, “la Puglia, millenaria terra di accoglienza, è divenuta luogo simbolico di ricongiungimenti: la vicenda degli ebrei albanesi, il ruolo dell’Albania nel farsi rifugio di fuggiaschi e di perseguitati, i passaggi da questa nostra terra del Sud di tanti profughi e sopravvissuti, sono tre storie che si riannodano nello scenario drammatico del secondo conflitto mondiale e chiamano a numerose riflessioni”.

 

 

Redazione Europuglia