Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Mercoledì 14 settembre, alle ore 18.30 presso “la Feltrinelli Libri e Musica” di Bari (via Melo 119), lo scrittore egiziano ‘Ala al-Aswani incontra i suoi lettori in occasione dell’uscita del suo nuovo libro “La rivoluzione egiziana” - Giangiacomo Feltrinelli editore. Tra gli ospiti, il giornalista Costantino Foschini e Silvia Godelli, Assessore al Mediterraneo, Cultura e Turismo della Regione Puglia.


Il libro di Al-Aswani racconta “l'Egitto che non abbiamo voluto vedere: l'Egitto della dissidenza. L'Egitto umiliato e oppresso, disperato e senza più dignità. L'Egitto che aveva deciso di fuggire, con i suoi emigranti e i suoi giovani, alla ricerca di un futuro certo e dignitoso. E racconta – poi – come un popolo, raggiunto il fondo, riesca a riscattarsi e a riguadagnare la sua fierezza. È un paese sconosciuto ai più, quello che descrive al-Aswani, da sempre critico severissimo del regime che Hosni Mubarak voleva passare a suo figlio Gamal. Come se l'Egitto fosse un “allevamento di polli”, chiosa con disprezzo l'autore di Palazzo Yacoubian. Eppure ne aveva scritto alla luce del sole, nei numerosi articoli pubblicati dai pochi giornali d'opposizione e raccolti ora in questo libro che spiega quello che è successo prima e durante la rivoluzione del 25 gennaio, e mette in guardia da un futuro senza libertà, perché l'unica soluzione è la democrazia”.

'Ala al-Aswani (Il Cairo 1957) ha studiato odontoiatria all'Università dell'Illinois a Chicago. Esercita tuttora la professione di dentista. Si dichiara politicamente indipendente, ma è stato uno dei membri fondatori del movimento di opposizione Kifaya (Basta così). Il suo primo romanzo, Palazzo Yacoubian (Feltrinelli 2006), è stato un vero e proprio fenomeno editoriale nel mondo arabo, e non solo, ponendosi, per numero di copie vendute, addirittura subito dopo il Corano. Nel 2006 da questo libro è stato tratto anche il film The Yacoubian Building. Il romanzo Chicago (Feltrinelli 2008) invece tratteggia la vita degli studenti arabi negli Stati Uniti dopo l'11 settembre 2001. Se non fossi egiziano (Feltrinelli 2009) è una raccolta di racconti, in precedenza mai pubblicata per l'opposizione di un burocrate.

Approfondimenti: 'Ala al-Aswani e “La rivoluzione egiziana”.

 

 

Fonte: Giangiacomo Feltrinelli Editore - Ufficio Stampa