Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Il regista serbo Srdan Golubović si è aggiudicato  con il film Krugovi (Circles, in italiano Cerchi) il “Premio Panorama internazionale al miglior regista” nell’ambito del Bifest 2013, il festival internazionale del cinema che, sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, si è tenuto nei giorni  scorsi a Bari.  

Il Bifest 2013, alla sua quarta edizione, è stato presieduto da Ettore Scola, diretto da Felice Laudadio, promosso dalla Regione Puglia e organizzato dalla Apulia Film Commission.

La pellicola di Golubović, caratterizzata da un’ottima fotografia, si  ispira alla storia vera di Srdjan Aleksić, ragazzo serbo ucciso a Trebinje nel 1993 da soldati serbi mentre tentava di proteggere un amico musulmano. Il film esplora le conseguenze del gesto e racconta come esso abbia segnato la vita dei suoi protagonisti a vent’anni di distanza. Ad intrecciarsi sono le vicende del padre della vittima, di un suo amico chirurgo presente al momento della morte, del bosniaco che gli deve la vita e della sua ex fidanzata.

I cerchi  su cui la trama si muove sono molteplici: quelli tra i diversi personaggi, legati dal tragico incidente; quelli che si allargano silenziosi, come increspature d’acqua, sullo stagno di una Bosnia sconfitta; infine i cerchi  interiori di ognuno dei protagonisti, in cerca di una difficile pace.

Perché la storia dei suoi personaggi, come spiega Golubović, è la storia di tutti coloro che la guerra, con cerchi più o meno stretti, ha toccato per sempre: l’assurdità di una tragedia tanto collettiva quanto individuale ha infatti innalzato muri alti, sia tra gli stati nati dalle ceneri jugoslave, che tra le persone.  

Il premio conferito al film dalla giuria del Bifest 2013 è un segno significativo di attenzione da parte della regione Puglia alle questioni dei territori e alle storie delle popolazioni dei Balcani.