Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

“Un Festival che somiglia all’Araba fenice, che rinasce ogni anno dalle proprie ceneri”. Così il Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola, intervenuto ieri, insieme all’Assessore regionale al Mediterraneo Silvia Godelli, alla conferenza stampa di presentazione dell’edizione 2013 della Notte della Taranta.

“Un Festival – ha spiegato Vendola – che è in grado non soltanto di attraversare le storie, le musiche e i suoni della Grecìa salentina, un pezzo di Puglia sospeso nel tempo, ma che è capace anche di incontrare le tradizioni popolari e musicali di tutto il mondo. Un Salento che incontra l’intero mappamondo”.

La Notte della Taranta, secondo Vendola “è uno degli eventi musicali più importanti d’Europa, è frutto di un investimento controcorrente in cultura. È figlio dell’idea che la cultura non è una spesa parassitaria, ma è la benzina nel motore dello sviluppo. Noi pensiamo che con la cultura si mangia e quando la cultura è la dolcezza, la frenesia e la fisicità dei suoni della pizzica e della taranta, è un buon cibo”.

“Parlare di Notte della Taranta significa soprattutto parlare di Puglia - ha sottolineato Silvia Godelli – Quello del Festival della Taranta è un percorso sapiente e istintivo, che parte dalla nostra Regione, attraversa l'Italia, incontra il resto del mondo, per poi tornare nuovamente a casa, in Puglia”.

Per approfondimenti consulta il sito ufficiale