Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

È previsto per mercoledì 12 marzo 2014 il prossimo appuntamento con Bibliotecando, il progetto che l’associazione culturale Ali di Carta – Presidio del Libro di Noicàttaro in collaborazione con l'Assessorato alla Cultura del comune di Noicàttaro, organizza da anni per le scuole del territorio, coinvolgendo i giovani lettori in percorsi di lettura con cui ripensare le problematiche dell’infanzia e dell’adolescenza.

L’iniziativa è promossa dalla Regione Puglia – Assessorato al Mediterraneo, Cultura e Turismo, in collaborazione con l’Associazione Presìdi del Libro.

La decima edizione di Bibliotecando, in continuità con il progetto tematico per gli adulti, si articola intorno al tema “Una differenza bella”. Con l’antropologo Marco Aime i ragazzi hanno già indagato le diversità culturali che colorano il mondo, hanno scoperto la bellezza delle differenze che caratterizzano il genere umano.

Il 12 marzo, nella Sala Consiliare del Comune di Noicàttaro, gli studenti incontreranno invece lo scrittore Antonio Ferrara, autore e illustratore di innumerevoli libri per ogni fascia d’età, tradotti in molte lingue, con i quali si è aggiudicato premi prestigiosi.

Alle ore 9, poi alle 11 e nel pomeriggio alle ore 16, numerose classi delle scuole primarie e secondarie De Gasperi, Gramsci-Pende e Pascoli di Noicàttaro, Settanni e Montale di Rutigliano conosceranno lo scrittore che, con i piedi per terra e la testa fra le nuvole, è sempre alla ricerca delle parole giuste per raccontare le emozioni forti dei più piccoli e dei più grandi in un continuo esercizio di empatia. Una scrittura che prolunga il sentimento, capace anche di far vivere altre vite, aprendo all’accoglienza.