Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Un progetto di cooperazione transfrontaliera nel Mediterraneo finanziato dall'Ue sta organizzando un corso di formazione sulle tecnologie di purificazione dell'acqua. Obiettivo: sviluppare l'uso di nuove tecniche nella regione. Secondo il sito web di Enpi (www.enpi-info.eu), il corso su ''vecchie e nuove tecnologie di purificazione dell'acqua'' è organizzato dal progetto NANOWAT, finanziato dal programma di cooperazione transfrontaliera nel Mediterraneo (CBC Med).

Il corso di formazione si terrà il 27,28 e 29 agosto a Gerusalemme ed è aperto a ricercatori, studenti, tecnici e chiunque sia interessato al settore delle tecnologie del trattamento delle acque. Il corso include anche la visita ad un impianto di depurazione dei reflui vicino Gerusalemme. Ulteriori corsi e seminari si terranno durante il 2014 e 2015 in Israele e in Italia.

Il progetto NANOWAT sta attualmente realizzando attività pilota nei Paesi partecipanti. E' coordinato dall'Università della Basilicata in Italia (dipartimento di agricoltura, scienze forestali e ambiente), in collaborazione con il centro nazionale per la ricerca scientifica e le idroscienze di Montpellier (Francia, Languedoc-Roussillon), l'istituto per le risorse naturali e l'agrobiologia del centro nazionale di ricerca spagnolo in Andalusia e l'Università ebraica di Gerusalemme in Israele. (ANSAmed)