Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

La Commissione per la tutela dell’ambiente dell’Euroregione adriatica si è riunita a Rimini. Al tavolo di lavoro, proposte e condivisione di esperienze, idee e progetti per rinnovare l’impegno sugli obiettivi comuni. In particolare, focus su due progetti: “Shape”, coordinato dalla Regione Emilia-Romagna e “Alterenergy”, guidato dalla Regione Puglia.


L’Emilia-Romagna conferma il suo impegno alla guida della strategia integrata per la tutela dell’ambiente nell’area dell’Euroregione adriatica. Lo ha ribadito a Rimini l’assessore all’ambiente e riqualificazione urbana Sabrina Freda, nel corso della recente riunione. Dei due progetti già avviati grazie al lavoro della Commissione, “Shape” è coordinato dalla Regione Emilia-Romagna nell’ambito del Programma comunitario transfrontaliero Ipa Adriatico che lo ha approvato e finanziato con un contributo di quattro milioni di euro. Il progetto ha l’obiettivo di promuovere una gestione sostenibile dell’ambiente marino-costiero, coinvolgendo tutti i Paesi dell’area adriatica.

Alterenergy”, guidato dalla Regione Puglia, invece, intende sviluppare modelli replicabili di gestione sostenibile delle risorse energetiche nelle piccole comunità adriatiche, con particolare attenzione verso l’armonizzazione legislativa in campo energetico e l’ottimizzazione del mercato energetico adriatico. Intanto sono in fase di elaborazione altri progetti che verranno presentati nei vari programmi comunitari.

La linea della Commissione mira a condividere e integrare le idee in progetti di ampio respiro in termini di partenariato e contenuti, perseguendo obiettivi di livello strategico e cercando una maggiore incisività delle scelte politiche adottate nell’intero bacino Adriatico. In questo orizzonte, l’assessore Sabrina Freda ha sottolineato come la costituzione di una Macroregione adriatica sia un obiettivo auspicabile e come l’Euroregione adriatica possa svolgere un ruolo fondamentale in questo processo, dando continuità alle azioni sinora intraprese ed ai risultati fin qui raggiunti.

 

 

Redazione Europuglia