Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

"Da diversi anni a questa parte i processi di sviluppo non possono essere più limitati ad un'area geografica circoscritta ma abbracciano territori molto più vasti. È per questo che occorre strutturare una rete di alleanze tra quelle Regioni che hanno problematiche comuni su materie rilevanti come, ad esempio, le energie alternative o le infrastrutture anche per avere più peso politico". È chiara la posizione del presidente della Regione Abruzzo, Gianni Chiodi, intervenuto a Pescara nell'ambito del convegno sul progetto "Powered".


"L'Abruzzo da tempo si sta muovendo in questa direzione proprio nell'ottica della formazione della macroregione adriatico-ionica e non a caso l'IPA Adriatico ha finanziato il progetto Powered - ha sottolineato il Presidente - ma ci stiamo muovendo con la stessa strategia anche in altri settori come la sanità, con gli accordi extra regionali, e nel settore delle infrastrutture, nello specifico sulla viabilità, dove abbiano già da tempo sottoscritto un'intesa con le Regioni Marche e Molise e con le Province interessate da quel protocollo".

Il progetto "Powered", che vede l'Abruzzo in veste di capofila di una rete composta da ben dodici partner istituzionali ed uno privato, è finalizzato a definire strategie condivise in tutti i Paesi che si affacciano sull'Adriatico. In particolare, si punta, entro marzo 2014, a delineare linee guida per la realizzazione di parchi eolici offshore nell'Adriatico compatibili con la politica di pianificazione e conservazione condivisa tra i partner. Un tale scelta energetica creerebbe le condizioni di una serie di installazioni, grazie alla riduzione delle problematiche di inserimento paesaggistico che frequentemente sono l'ostacolo principale alla creazione di parchi eolici in territori ad alta densità abitativa o in aree ad alto valore storico e paesaggistico.

Al convegno, organizzato dal settore Affari della Presidenza e Politiche energetiche, ha fornito il suo contributo anche l'assessore all'Energia, Mauro Di Dalmazio il quale, ribadendo la strategicità del progetto, ha affermato che "la Regione Abruzzo sta portando avanti una serie di politiche di indirizzo e di avanguardia nel campo delle rinnovabili ed al tempo stesso è impegnata a stimolare, come nel caso del progetto "Powered", ricerche, studi e valutazioni tecniche per attivare processi condivisi e strategie comuni in ambito di energia eolica all'interno del bacino adriatico".

 

 

Fonte: AGIenergia.it