Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Si è svolta a Mesagne la presentazione del progetto “Azioni InteGRATE di Promozione dello sviluppo TURistico sostenibile - TUR.GRATE 2” finanziato dal Programma di Cooperazione Transfrontaliera IPA Adriatico 2007-2013. Prendono il via le attività progettuali che, nell’arco di tre anni, promuoveranno lo sviluppo turistico sostenibile in uno spirito di cooperazione territoriale.


Il partenariato, di cui il Comune di Mesagne è capofila, comprende partner europei provenienti da Italia e Grecia, tra cui i Comuni di Nardò e Latiano, il Centro di progettazione, design e tecnologie dei materiali Consorzio CETMA, il Consorzio di Operatori Turistici pugliesi (COTUP) e la Camera di Commercio di Thesprotia. Partecipano inoltre partner provenienti da Stati potenziali candidati all’ingresso nell’Unione Europea quali l’Albania, con l’Ufficio Ministeriale per i Servizi Turistici del Paese delle Aquile (Ministero del Turismo, Cultura e Sport della Repubblica di Albania), la Municipalità di Durazzo e la Municipalità n° 8 di Tirana, ed il Montenegro, con l’Organizzazione Nazionale del Turismo del Montenegro (NTO) – (anche essa ministeriale) e l’Organizzazione Turistica Locale della Municipalità di Bar.

Alla conferenza hanno preso parte il Sindaco di Mesagne, Franco Scoditti che ha portato i saluti a nome del Comune capofila. Il progetto è stato presentato dall’assessore al Turismo della città, Maria De Guido e da quello al Marketing territoriale Walte Zezza. Erano presenti all’incontro Antonio De Giorgi, Sindaco del Comune di Latiano; Serena Mingolla, project manager per il Comune di Mesagne; Luigi Siciliano, Responsabile Servizio Politiche Comunitarie del Comune di Nardò; Ubaldo Spina, Project Manager del Centro di progettazione, design e tecnologie dei materiali – Consorzio CETMA; Paschos Alexandros, Presidente della Camera di Commercio di Thesprotia (GR); Benard Terkuci, Direttore dell’Ufficio per i Servizi Turistici dell’Albania (Ministero del Turismo, Cultura e Sport della Repubblica di Albania); Ina Xhakoni, Responsabile del Settore Politiche di Sviluppo Economico e Turismo del Comune di Durazzo; Arben Tafaj, Chairman della Municipalità N°8 di Tirana; Biljana Božović, Project Manager dell’Organizzazione Nazionale del Turismo del Montenegro; Ivanović Neda, Direttore dell’Organizzazione Turistica Locale di Bar ed Elisabetta Ciccarese, Project Manager del Consorzio di Operatori Turistici pugliesi COTUP.

Il Progetto “TUR.GRATE 2”, in particolare, mira a sistematizzare un insieme di interventi di promozione, valorizzazione e migliore fruizione delle risorse naturali e culturali delle aree di progetto e, conseguentemente, a rafforzare, in un’ottica di sostenibilità, la competitività delle destinazioni turistiche adriatiche coinvolte. L’obiettivo è garantire continuità e stabilità a quei processi di sviluppo sostenibile del territorio, innescati ed in parte già sperimentati con successo, nell’ambito della prima edizione del progetto Tur.Grate.

Le attività si strutturano in 9 pacchetti di lavoro, che prevedono:
1. Il coordinamento e la gestione generale del progetto affidati al Comune di Mesagne (Capofila dell’iniziativa);
2. L’attuazione di misure di informazione, comunicazione e capitalizzazione destinate a suscitare l’interesse dell’opinione pubblica e delle parti interessate nei valori culturali e naturali e a renderli consapevoli dell’importanza di azioni di salvaguardia delle identità culturali.
3. La Creazione di un sistema aggregato transfrontaliero pubblico-privato condiviso per la gestione del prodotto turistico territoriale, attraverso la realizzazione di diversi incontri di animazione territoriale, sia a livello transfrontaliero che, a livello territoriale, finalizzati a coinvolgere tutti gli operatori della filiera turistica;
4. L’allestimento e lo start-up di 7 centri di servizio, che saranno in grado di fornire servizi turistici qualificati e differenziati per migliorare gli standard di vita delle comunità coinvolte e l’installazione di segnaletica turistica per individuare e promuovere risorse e servizi locali e trans-frontalieri;
5. L’implementazione di strumenti comuni per migliorare i prodotti agro-alimentari e artigianali, con particolare attenzione alla filiera di produzione tipica nelle aree obiettivo. Questi strumenti saranno: - un’analisi delle produzioni tipiche transfrontaliere e lo scambio di informazioni tra i partner; - ridefinizione del paniere di prodotti tipici che connotano i territori target; - elaborazione di uno studio di “Life Cycle Assessment” (LCA) per ogni prodotto selezionato; - completamento della procedura di gestione di un marchio collettivo trans-frontaliero per i prodotti selezionati (prodotti tipici agro-alimentari e artigianali);
6. Il miglioramento dell'offerta turistica e dei servizi attraverso: - l’identificazione di strutture ricettive pilota, da accompagnare in un processo di
registrazione/certificazione Ecolabel/Emas; - la programmazione e conseguente sperimentazione di un innovativo software finalizzato a razionalizzare e qualificare la rete dei servizi turistici pubblici;
7. La valorizzazione del patrimonio culturale, attraverso un complesso di azioni concrete per la protezione del patrimonio e delle risorse culturali (rurali, artistiche e archeologiche);
8. La promozione di un turismo sostenibile ed alternativo attraverso la creazione di nuovi prodotti turistici tematici;
9. La realizzazione di un programma di eventi culturali (gallerie d’arte con contestuali laboratori di restauro, rappresentazione di danza e musica, eventi di scambio culturale per promuovere le origini storiche e le tradizioni).

TURGRATE2 intende superare la dimensione locale delle politiche territoriali di sviluppo
turistico e rendere possibile la creazione di una rete di cooperazione internazionale per lo
sviluppo di un approccio metodologico condiviso per la gestione del patrimonio culturale
e naturale.

Approfondimenti: Cooperation: Tourism, 'TUR.GRATE 2' Project launched.

 

 

Redazione Europuglia