Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Bilancio positivo per la due giorni che ha caratterizzato la celebrazione nazionale della Giornata mondiale del Turismo, quest'anno in Molise. Tra gli interventi, quello di Claudio Polignano e Massimo Pillarella, rispettivamente project manager e responsabile del Progetto "Alterenergy. Energia sostenibile per le piccole comunità dell'Adriatico".


Polignano, Task Force Cooperazione Territoriale del Servizio Mediterraneo della Regione Puglia, in particolare, ha spiegato le caratteristiche del progetto che, attraverso l'individuazione di piccole comunità (massimo diecimila persone) viventi nei paesi adriatici, intende rilanciare la cultura delle energie alternative su più livelli di comunicazione e attraverso diverse tecnologie. L'Ing. Pillarella, della Regione Molise, invece, ha spiegato tecnicamente perché è possibile realizzare tutto questo anche in Molise e come già diverse iniziative mirino al raggiungimento degli obiettivi posti da Europa 2020 in direzione di un turismo sostenibile.

Il progetto, che vede coinvolta la Regione Puglia in qualità di Lead partner ed è finanziato nell’ambito del Programma di Cooperazione transfrontaliero IPA Adriatico, è stato al centro dell’attenzione nella sessione dedicata a “Turismo e sostenibilità energetica: le esperienze di progetti di cooperazione territoriale”. Focus anche su "Adristorical Lands", progetto che vede impegnate varie istituzioni del Bacino Adriatico e che assegna alla Regione Molise il ruolo di ente capofila. L'obiettivo è quello di a promuovere l'utilizzo dei valori culturali al fine di stimolare un percorso di creazione di un'identità territoriale per lo sviluppo di un turismo sostenibile, con particolare riferimento ai piccoli borghi medievali, castelli e dimore storiche.

Nel corso della due giorni a Campobasso , in generale, si è discusso di “Turismo e Ambiente sostenibili propulsori di turismo sostenibile” ma anche di turismo ed energia, turismo sociale nella regolamentazione mondiale/europea/italiana, alleanze territoriali come speranza viva di sviluppo economico, cammini e nuove vie di turismo religioso.

Approfondimenti ed interventi dei relatori nel corso della due giorni.