Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Grazie al Progetto Powered si sta per compiere un grande passo in avanti nello studio delle potenzialità eoliche del mare Adriatico: è stato infatti trasmesso il 5 febbraio 2013 alla Gazzetta ufficiale dell’Unione europea, e pubblicato l'8 febbraio sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana, il bando per l’acquisto e l’installazione di nove torri per misure anemometriche da posizionare lungo le coste dell’Adriatico e previste dal Progetto Powered – Ipa Adriatico 2007-13.


Viene così raggiunto un altro degli obiettivi del progetto dopo quello della mappatura puntuale della risorsa eolica del mare Adriatico, completata ad Agosto scorso. Grazie all’installazione di questa rete di anemometri terrestri, a cui farà seguito il bando per l’installazione di un anemometro offshore, il Progetto si arricchisce di un sistema di monitoraggio di alta qualità, basato su 8 torri da 45 metri ed una da 100 metri di altezza, e dotato di anemometri su diversi piani.

Il sistema consentirà: di migliorare e qualificare al meglio la mappa del vento dell’Adriatico, ottenuta per via numerica nella prima fase del Progetto, e implementare un sistema di previsione meteorologica di breve durata (a 24-48 ore) utile alla stima della produzione di energia elettrica di parchi eolici offshore. Tutto ciò è reso possibile dall’impegno economico messo a disposizione del Progetto che risulta il più importante finanziato dal Programma Transfrontaliero Ipa Adriatico con un finanziamento europeo di circa 4 milioni e 400 mila euro. L’analisi dei dati raccolti – che verranno pubblicati sul sito di progetto – permetterà quindi di verificare con accuratezza se vi siano aree dell’Euroregione adriatica con condizioni climatiche favorevoli allo sviluppo della tecnologia eolica per la produzione di energia elettrica.

Da sottolineare però che Powered usa i suoi studi come base di partenza per la stesura di vere e proprie Linee guida, ossia di un insieme di buone pratiche da usare nella progettazione dei parchi eolici offshore, identificando le aree vietate all’installazione e le procedure autorizzative necessarie alla presentazione di un progetto eolico offshore. Tutto ciò raccordando le sensibilità ambientali e le attenzioni legislative dei diversi Stati che partecipano al progetto (Albania, Croazia, Italia e Montenegro).