Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Italia e Bosnia-Erzegovina sempre più vicine. Secondo gli ultimi dati diffusi da Aeroporti di Puglia, capofila del progetto di cooperazione Air.Net - finanziato dal Programma di cooperazione transfrontaliera IPA Adriatico - da giugno 2012 a settembre 2013 il collegamento Bari-Mostar ha registrato un flusso di 15 mila passeggeri.

Un successo, fanno sapere da Aeroporti di Puglia che ha portato alla decisione di prolungare il servizio di altri sei mesi. Obiettivo del progetto Air.net per cui sono stati stanziati circa 2 miliardi di euro e di cui sono partner oltre agli aeroporti pugliese e bosniaco, anche gli scali di Trieste e Nis, in Serbia, grazie ai collegamenti Trieste-Mostar e Trieste-Nis-Trieste, la Regione Molise e il Comune dell’Aquila - è quello di creare una rete permanente di aeroporti regionali nell’area adriatica allo scopo di realizzare nuove rotte e collegamenti aerei e favorire un miglioramento della mobilità tra le sponde orientali e occidentali dell’area.

Il volo Bari-Mostar operato dalla Mistral (gruppo Poste italiane) ha cadenza bisettimanale (il martedì e il venerdì) con aeromobile B737-300 (148 posti). La media è di 90 passeggeri a tratta, per lo più fedeli diretti a Medjugorje. (ANSAmed).