Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Una sessantina di partecipanti tra cittadini e stakeholder locali. Grande interesse per il Forum tenuto nei giorni scorsi nel Castello Imperiale di Sant’Agata di Puglia (Foggia). Nell’evento, organizzato da Regione Puglia e ARTI in collaborazione con Ambiente Italia, nell’ambito della “2014 European Energy Week” , è stato approfondito il tema “La sostenibilità energetica nelle piccole comunità adriatiche: il progetto pilota per Sant’Agata di Puglia”.

Dopo i saluti e l’introduzione di Gino Russo, neo sindaco di Sant’Agata di Puglia, ha preso la parola Bernardo Notarangelo, Dirigente del Servizio Mediterraneo della Regione Puglia, che ha illustrato gli obiettivi generali del Servizio e la strategicità del Progetto Alterenergy nell’intero bacino adriatico, in vista della nuova programmazione 2014-2020. Claudio Polignano, responsabile del progetto Alterenergy, ha illustrato ai partecipanti il progetto nel suo complesso, approfondendo il ruolo di primo piano di Sant’Agata nel raggiungimento degli obiettivi generali e specifici fissati dall’intero partenariato.

A seguire, Rodolfo Pasinetti e Filippo Loiodice di Ambiente Italia hanno animato il forum di discussione sul tema “Promuovere la sostenibilità energetica nel territorio di Sant’Agata di Puglia”, presentando le attività che saranno realizzate nei prossimi mesi nel Comune foggiano, tra cui la revisione del Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile, la realizzazione di studi di fattibilità per nuovi progetti cantierabili nel territorio, le attività di formazione, informazione e animazione territoriale e la realizzazione di specifici interventi pilota. A tutti i partecipanti è stato poi illustrato e consegnato un questionario per la rilevazione di dati energetici al fine di mappare la situazione a Sant’Agata.

Le conclusioni sono state infine affidate a Bernardo Notarangelo che ha ribadito l’importanza del coinvolgimento attivo dell’intera comunità per garantire buone pratiche nel settore energetico ed effetti moltiplicatori su tutte le comunità del territorio regionale.