Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Grazie al Progetto europeo Powered – di cui la Provincia di Ravenna è partner – il 5 marzo scorso alla Capitaneria di Porto di Ravenna è stata inaugurata una turbina micro-eolica sperimentale. Alla cerimonia hanno partecipato Mara Roncuzzi, Assessore all'Ambiente della Provincia di Ravenna, il Capitano di Vascello Giuseppe Meli, Comandante della Capitaneria di Porto di Ravenna e Direttore Marittimo Regione Emilia Romagna, Galliano Di Marco, Presidente dell'Autorità Portuale di Ravenna, il Prof. Ing. Renato Ricci, docente dell’Università Politecnica delle Marche e Responsabile Scientifico del Progetto Powered, Alberto Rebucci, responsabile del Progetto Powered per la Provincia di Ravenna, e l’Ing. Antonio Lazzari, Presidente della Cooperativa Impronte, che ha illustrato le caratteristiche dell’impianto.

L’impianto microeolico, installato sul tetto della sede della Capitaneria a Porto Corsini, ha una potenza nominale di 300 watt ed è costituito da due turbine ad asse verticale coassiali, una interna e una esterna. Le sue dimensioni sono di un metro e mezzo in altezza e un metro in diametro. Una caratteristica da sottolineare è che la turbina è in grado di avviarsi anche in presenza di venti deboli, generando tra i 600 e i 1.000 kwh all’anno, sufficienti a soddisfare il 20 per cento circa del fabbisogno di una normale abitazione. Le turbine alimentano batterie simili a quelle di un’auto, il cui funzionamento è gestito da un componente elettronico che provvede a distribuire l’energia.

L’obiettivo del progetto europeo Powered – finanziato all’interno del Programma Transfrontaliero IPA Adriatico 2007-2013 – è verificare se e dove esistano le condizioni di vento per potere investire nei grandi parchi eolici offshore: questo grazie all’elaborazione di sofisticati modelli matematici e alla realizzazione di una rete di anemometri che avrà il compito di raccogliere i dati sulla ‘risorsa vento’ in Adriatico. I dati ottenuti saranno ‘certificati’ e in grado di fornire elementi utili per l'installazione di qualsiasi impianto eolico lungo la costa adriatica a partire dai grandi porti.

Per approfondimenti sul Progetto Powered: http://www.powered-ipa.it.