Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Con l’installazione di una stazione di misure anemometriche a Vallevecchia di Caorle, nell’Azienda Regionale Veneto Agricoltura, si è conclusa la realizzazione della più importante rete italiana per lo sviluppo dell'energia eolica. L’intervento è a cura del Progetto P.O.W.E.R.E.D, finanziato nell’ambito del Programma Transfrontaliero Ipa Adriatico 2007-13.

La stazione anemometrica è parte di una rete di 8 torri meteorologiche, equipaggiate ognuna con 5 anemometri e 4 sensori di direzione del vento su 5 diversi piani di misura: 45, 40, 30 20 e 10 metri dal suolo. La rete meteorologica messa in campo da POWERED è la parte strumentale di un obiettivo ben più ampio che parte dalla determinazione della potenzialità eolica del mare Adriatico, per arrivare alla possibilità di prevedere la produzione energetica di futuri parchi eolici ed, infine, individuare le “buone pratiche” per una corretta programmazione energetica nel settore dell’energia eolica offshore.
I dati provenienti dalle stazioni POWERED verranno “assimilati” dai modelli di previsione meteorologica per valutare la risorsa eolica offshore e determinare, la produzione energetica attesa dei futuri parchi eolici in Adriatico. Tale servizio è unico e garantisce agli investitori di soddisfare la richiesta di “produzione prevedibile”, che il distributore di energia elettrica nazionale richiede.
«Per la prima volta – spiega il responsabile del comitato scientifico, Ingegner Renato Ricci, docente all’Università Politecnica delle Marche – siamo in grado di indicare le aree idonee allo sfruttamento della risorsa eolica. P.O.W.E.R.E.D. è riuscito a individuare quali siano i siti idonei dal punto di vista scientifico. Il lavoro di analisi scientifica sviluppato getta le basi per una Valutazione Ambientale Strategica (VAS) come punto di partenza della programmazione dello sviluppo dell’eolico offshore nel Mare Adriatico; solo in questo modo si avrà la possibilità di attrarre investitori in questa tecnologia energetica».
Per lo sviluppo dell’eolico offshore italiano POWERED costituisce uno strumento indispensabile: fornendo dati sicuri e certificati sulla forza eolica, consente la programmazione di investimenti mirati; chi è interessato a investire e intervenire nel campo dell’offshore – imprenditori, istituti bancari, ma anche chi deve rilasciare le autorizzazioni – avrà a disposizione un prodotto affidabile e riconosciuto dagli Istituti di credito e dai Fondi di investimento internazionali. Questa esigenza è stata sollevata direttamente dal Ministero italiano dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, che è uno dei partner più autorevoli del progetto.
Il team scientifico di Powered, grazie all'analisi delle matrici ed alla collaborazione di tutti i partner, ha portato a termine una serie di risultati: è stata realizzata la georeferenziazione delle matrici di impatto in tutte le sue componenti e sorgenti, di tipo areale, lineare e puntuale; sono stati analizzati gli impatti connessi alla fase di cantiere, di funzionamento e di smantellamento di un parco eolico offshore individuando tutte le problematiche connesse alle diverse fasi (impatto acustico sottomarino, interferenza con la pesca, interferenza con i trasporti, impatti sulla flora e sulla fauna sottomarina ed incidenza sugli uccelli).
Il lavoro del Progetto POWERED comprende anche la definizione delle linee guida comuni ai territori che si affacciano sull’Adriatico, per rendere più snelli gli iter burocratici e amministrativi che precedono la fase di realizzazione degli impianti, ma anche per regolamentare la loro costruzione.

Approfondimenti sul Progetto Powered.