Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

La Commissione per lo Sviluppo sostenibile dell’Assemblea regionale e locale euromediterranea (ARLEM) ha nominato il presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, relatore del parere "La relazione tra cambiamenti climatici e desertificazione nel Mediterraneo". In previsione della presentazione del Parere nella prossima sessione plenaria di Arlem, che si terrà a Bari il 30 gennaio 2012 nell’ambito della fiera euromediterranea dei parchi “Mediterre”, la Regione Puglia intende coinvolgere tutte le Regioni aderenti alla Commissione Intermediterranea della Conferenza delle Regioni Periferiche Marittime d’Europa (CRPM) interessate al tema, al fine di recepire indicazioni ed orientamenti.


È possibile inviare osservazioni alla bozza del Progetto di Rapporto su "La relazione tra desertificazione e cambiamenti climatici nel Mediterraneo" entro e non oltre lunedì 12 dicembre 2011 agli indirizzi e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. e Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Con il documento, in particolare, ARLEM intende da un lato analizzare da un punto di vista regionale e locale i processi ambientali e socio-economici interessati dai fenomeni di desertificazione e da cambiamenti climatici in atto, dall’altro proporre suggerimenti e raccomandazioni per un effettivo impulso alle politiche di cooperazione e di sviluppo sostenibile e per un futuro di prosperità, coesione sociale e pace nel Mediterraneo. Il fine ultimo è quindi tracciare una strada politica comune, da affidare all’Unione Europea, all’Union for the Mediterranean (UfM), agli Stati Membri e a tutti gli attori locali ed internazionali attivi nella lotta ai cambiamenti climatici ed alla desertificazione.

''Oggi, vent'anni dopo la conferenza delle Nazioni Unite sul clima a Rio, è necessario interrogarsi, a tutti i livelli, sulle conseguenze dei cambiamenti climatici e sul ruolo degli Stati per l'adozione di misure di prevenzione e di adattamento. I cambiamenti climatici e la desertificazione sono in stretta relazione di causa-effetto e per questo è necessario un approccio complesso e multilivello''. Lo ha detto il presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, in occasione della 'Stakeholder consultation' che si è tenuta nei giorni scorsi a Bari. Per Vendola, ''le conseguenze di fenomeni quali i cambiamenti climatici, si riverberano anche sul piano sociale: la desertificazione, per esempio, determina una riduzione di suolo disponibile per qualsiasi attività antropica, e questo determina la mobilità di milioni di persone''. ''Oggi - ha concluso - cominciamo a parlare di eco profughi all'interno del bacino del Mediterraneo. In questo contesto gli Stati e gli enti locali hanno un ruolo determinante nella costruzione di uno sviluppo durevole che punti a conservare le risorse naturali".

Approfondimenti:
Medregions.com
Conferenza delle Regioni Periferiche Marittime d’Europa, scheda a cura di Europuglia

Nella foto: Silvan Shalom (Vice Primo Ministro d'Israele), Giulio Maria Terzi di Sant'Agata (Ministro Affari Esteri), Raffaele Lombardo (Presidente Regione Sicilia).