Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

On line le presentazioni ed i contributi emersi nel corso del primo meeting sulla Strategia adriatico-ionica organizzato a Bruxelles dalla Conferenza delle Regioni Periferiche Marittime d’Europa (CRPM). Tra le regioni partecipanti anche la Puglia, rappresentata dal Dirigente del Servizio Mediterraneo, Bernardo Notarangelo e dal consulente Domenico Zonno.


Al tavolo di lavoro, illustri rappresentanti di Croazia, Grecia ed Italia (insieme alla Puglia: Abruzzo, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia e Marche), ma anche della Commissione e del Parlamento europeo, della Bosnia Erzegovina e del Segretariato generale della CRPM. Obiettivo: favorire lo sviluppo regionale e la coesione territoriale in Europa. In questa prospettiva, la Strategia adriatico-ionica ben si inserisce nelle nuove proposte di strategie integrate.

Approfondimenti:
Réunion du Groupe de travail de la CRPM sur la stratégie Adriatique-Ionienne
Conferenza delle Regioni Periferiche Marittime d’Europa