Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

fosel«La Regione Puglia sarà capofila del progetto Fosel, con l’obiettivo di realizzare iniziative di carattere imprenditoriale e sociale nelle province argentine di Buenos Aires, Cordoba, Mendoza e Santa Fe». Lo ha annunciato l’assessore regionale al Mediterraneo, Silvia Godelli, nel corso di un incontro sulle relazioni tra Italia e Argentina, promosso dall'En.A.P. Puglia.


Ai lavori, coordinati dal giornalista Michele Cozzi, hanno partecipato il presidente del Consiglio Regionale, Onofrio Introna; il presidente dell’assemblea regionale pugliese della passata legislatura, Pietro Pepe; il dirigente del Servizio Mediterraneo della Regione, Bernardo Notarangelo; il presidente di Enap Puglia, Nunzio Mazzilli; il consigliere economico e commerciale dell’Ambasciata di Argentina in Italia, Gonzalo Sabaté; il segretario generale della Camera di Commercio italiana di Mendoza, Pedro Baziuk; il responsabile dei progetti per l’America latina di Unioncamere, Carlo Spagnoli; il vicesegretario della Camera di Commercio italo-argentina, Elio De Tullio.

Notarangelo ha illustrato i contenuti del progetto Fosel, acronimo di Formazione per lo Sviluppo Economico Locale, che coinvolge accanto alla Puglia, altre otto regioni: Abruzzo, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Marche, Piemonte, Toscana e Umbria. «L’iniziativa – ha detto - dovrebbe essere avviata entro novembre con un finanziamento di 2milioni 200mila euro: circa un milione e seicentomila a carico del Ministero degli Affari esteri e il resto con risorse regionali».

Introna ha sottolineato che «nella Camera di Commercio italiana di Mendoza opera da tempo un desk al servizio degli imprenditori pugliesi. Un risultato conseguito dall’Ufficio di presidenza nella scorsa legislatura e che il consiglio regionale intende portare avanti, confermando l’attenzione al “pianeta” Argentina, perché siamo uniti da un patrimonio comune: tanto di questo Paese parla come noi e di noi». «Durante una visita in Argentina - ha aggiunto Pepe - ho potuto incontrare alcune delle tante associazioni di pugliesi che vivono in quella splendida terra e che non hanno reciso le radici con la regione di origine. È stato un momento ricco di emozione e speranza».

Mazzilli ha elencato alcuni progetti avviati dall’Enap-Puglia: «In questi mesi stiamo realizzando il progetto Svea, Sviluppo ecocompatibile dell’agroalimentare, nella provincia di Buenos Aires, a La Plata, dove vivono molti pugliesi. A Mendoza, invece, si è concluso il progetto Aslo (Agroalimentare e sviluppo locale) per la formazione dei giovani italiani al’estero. Oggi quei ragazzi hanno un lavoro e contribuiscono alla crescita della loro terra».

Baziuk e Sabaté, infine, hanno illustrato tutte le potenzialità economiche dell’Argentina che ha un tasso di alfabetizzazione superiore al 97 per cento ed è tra gli Stati latinoamericani con maggiore reddito pro capite. Il Paese ha circa 250mila chilometri quadrati di superficie coltivabile che gli consentono di essere, tra l’altro, il primo produttore ed esportatore mondiale di olio di girasole, il primo esportatore e terzo produttore di olio di soia e il quinto produttore di vino. «E per quanto riguarda l’olio di oliva – ha concluso Baziuk - due curiosità: stiamo puntando su una produzione di varietà Coratina e nell’Università di Aconcagua si terrà a breve un corso di Italiano con tutti i termini dell’olivicoltura».

 

 

Fonte: Fiera del Levante.