Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Si concludono oggi, nell’ambito del progetto Fosel (Formazione per lo Sviluppo Economico Locale), dieci giorni di formazione per una delegazione argentina composta da imprenditori del settore caseario, allevatori, docenti universitari e dell'Istituto superiore del Latte della provincia di Santa Fè. In Puglia, gli ospiti della Cna regionale hanno imparato tecniche e metodi di lavorazione di prodotti caseari.


Dopo una prima missione di tecnici pugliesi in Argentina, lo scorso luglio, è stato già raggiunto un primo risultato: la realizzazione di una bozza di disciplinare per il riconoscimento della Dor (Denominazione d'origine registrata, marchio argentino omologo alla nostra Dop) per la realizzazione di un formaggio tipico argentino. Tale disciplinare è stato ritenuto congruo dal Ministero dell'Agricoltura argentino.

In questi giorni, dunque, la seconda fase del progetto si è concretizzata nella visita della delegazione argentina in Puglia. Numerosi gli incontri istituzionali, ma soprattutto tecnici: docenti universitari, imprenditori del settore caseario e allevatori hanno incontrato la presidente della associazione Lattiero-Casearia, Rosamaria Derosa, il segretario regionale dell'associazione Donato Bellomo, Donato Schiavone esperto CNA, il coordinatore del progetto Fosel per la Regione Puglia Vito Amoruso, la responsabile del progetto italo-argentino Marina Muserra. “In queste due settimane la delegazione argentina – spiega Muserra - non solo ha acquisito le conoscenze tecniche richieste per la produzione della burrata pugliese, ma soprattutto ha verificato direttamente come un territorio sia in grado di articolarsi per rispondere alle richieste del mercato, in un particolare settore produttivo”.

Il progetto Fosel fa riferimento al Ministero degli Esteri italiano e vede coinvolte le Regioni Puglia (capofila), Abruzzo, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Marche, Piemonte, Toscana, Umbria. Obiettivo: promuovere processi di sviluppo socio-economico locale stabile ed equo nelle Province argentine di Buenos Aires, Santa Fé, Córdoba e Mendoza, attraverso l’aumento della competitività da parte dei sistemi produttivi.

Approfondimenti: FOSEL, scheda sintetica a cura della Redazione Europuglia e sito web ufficiale.