Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Si terrà lunedì 24 settembre, alle ore 17.30 presso l’Oasi Quattro Colonne di Santa Maria al bagno (Nardò), il convegno dedicato al Progetto A.PR.E.H. (interdisciplinary Aquaria for the PRomotion of Environment and History), nell’ambito del Programma di Cooperazione transfrontaliera Grecia-Italia 2007-2013.


Interverranno Marcello Risi, Sindaco di Nardò, Antonio Gabellone, Presidente della Provincia di Lecce, Domenico Laforgia, Rettore dell’Università del Salento. Al centro, la presentazione generale del Progetto A.PR.E.H., a cura di Genuario Belmonte (Docente Università del Salento, Coordinatore del progetto), ma anche l’approfondimento del progetto esecutivo, del sito Internet, delle attività di mappatura dei beni naturali e culturali nei fondali di Cefalonia Tra i relatori: Carlo Falangone (Vice Sindaco ed Assessore alla Cultura e Musei - Comune di Nardò), Donatella Longo (Dirigente Innovazione Tecnologica - Provincia di Lecce), George Papatheodorou (Università di Patrasso), Sofia Garbi (Municipalità di Cefalonia).

Il Progetto A.PR.E.H. è stato finanziato nell’ambito del Programma Europeo di Cooperazione Territoriale Grecia - Italia 2007/2013 per la realizzazione di 2 istituzioni culturali (acquario-museo) interdisciplinari, una nel Comune di Nardò (Italia) ed una nel Comune di Cefalonia (Grecia). A.PR.E.H. si propone di presentare visivamente, attraverso un Acquario, sia l’ambiente marino che il patrimonio culturale delle due regioni transfrontaliere. Obiettivo: allestire una mostra attraverso una riproduzione dei relitti sul fondo marino e dei suoi organismi viventi. Saranno utilizzati resti archeologici originali, ma anche riproduzioni, in una sorta di diorama che presenterà scene subacquee dei rispettivi fondali. Saranno realizzate, inoltre, vasche riempite con acqua di mare e con organismi viventi che rappresenteranno la ricca biodiversità di fondali italiani e greci. Partner di progetto sono l’Università del Salento, la Provincia di Lecce, il Comune di Nardò, l’Università di Patrasso, il Comune di Cefalonia.

Approfondimenti: Programma di Cooperazione Transfrontaliera Grecia-Italia 2007-2013.