Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Il Teatro della Fede di Grottaglie e il Teatro Municipale di Corfù in coproduzione portano in scena "La bottega dormiente" realizzato nell'ambito del progetto ‘Talking Lands’, finanziato dal Programma Comunitario “Grecia – Italia 2007-2013”, che ha come partner italiani il Teatro Pubblico Pugliese, i Comuni di Grottaglie, Fasano e Monopoli (capofila del progetto) e come partner greci la Regione delle Isole Ioniche, la Regione della Grecia Occidentale e il Comune di Parga.

Lo spettacolo, in cui il regista pugliese Alfredo Traversa racconta le vicende, gli uomini, gli oggetti della ceramica grottagliese, debutterà al Palazzo Reale di Corfù domani, venerdì 19 luglio. Proprio a Corfù dove per anni i ceramisti di Grottaglie hanno impiantato delle fabbriche di ceramica. Un modo diverso per esportare i prodotti della propria terra: narrandoli.

Il lavoro diventa il filo conduttore dello spettacolo, in cui Traversa non manca di prendere in esame anche il momento storico che accomuna la Grecia e l’Italia. Emblematico il racconto di un giovane che lascia la bottega ceramica per andare a lavorare all’Ilva.

Il titolo dello spettacolo prende il nome da una iniziativa dello stesso Traversa che nel 1997 aprì una bottega ceramica (chiusa da decenni) nell’antico Quartiere di Grottaglie dandole quel nome, ad indicare le potenzialità culturali di un lavoro e di un mondo ai più sconosciuto. Il Teatro diventa così non mera occasione di intrattenimento ma possibilità di veicolare il valore aggiunto di una attività che ha reso Grottaglie nota in tutto il mondo. La ceramica, o meglio, la vita, l’anima e la cultura di un popolo sbarca in Grecia per poi tornare in Puglia denunciando anche l’arretratezza culturale e istituzionale che lega i due popoli accomunati da sempre come due fratelli siamesi ma distanti anni luce in termini di cooperazione. Il Teatro anche come occasione per risvegliarci da un sonno che ci ha tenuto per molto tempo a dormire. ‘La Bottega Dormiente’ è il luogo per risvegliarsi e prendere coscienza delle grandi opportunità culturali che il territorio dell’antica Magna Grecia ha per riprendere a volare. Il progetto teatrale è pensato come un laboratorio sempre aperto dove far confluire tutte le diverse visioni della ceramica antica e moderna ricordando che da sempre la ceramica è stato uno dei mezzi per comunicare la propria storia e le vicende contemporanee tra  popoli diversi. 

Un progetto nato per ‘Talking Lands’, che vede il Comune di Grottaglie artefice del primo tentativo di divulgazione del proprio patrimonio culturale, la ceramica, attraverso il palcoscenico.

Dopo la data del 19 luglio a Corfù, lo spettacolo verrà riproposto a Parga il 20 luglio e a Patrasso il 21 luglio. Dopo le date greche la compagnia si sposterà in Puglia per altre tre repliche: il 29 luglio al Castello di Grottaglie; il 30 luglio a Monopoli, nello spazio ‘Musica d'Attracco’  e il 31 luglio a Fasano, al Teatro Sociale.

Info: www.teatropubblicopugliese.it