Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Seminario vivace e interessante quello tenutosi nei giorni scorsi, presso la Fiera del Levante di Bari, sul tema “Olive da tavola: esperienze a confronto tra ricerca e produzione”, organizzato dall’Istituto di Scienze delle Produzioni Alimentari (ISPA-CNR) nel quadro del progetto BIO-OLEA. 

BIO-OLEA è un progetto realizzato nell’ambito del Programma di Cooperazione Territoriale Europea Grecia-Italia 2007-2013, finanziato dalla Regione Puglia e dall’Unione Europea e nasce come collaborazione transfrontaliera tra l’Università di Ioannina (GR), la Regione delle isole Ioniche (GR) e l' Istituto di Scienze delle Produzioni Alimentari del CNR (IT).

Il progetto ha tra i suoi obiettivi principali l’ottenimento di composti bioattivi dalle acque di vegetazione delle olive, che da sempre rappresentano un grave problema sia per i produttori della Regione Puglia che della Grecia. Inoltre il progetto si propone di introdurre innovazioni per il miglioramento della qualità dell'olio e delle olive da tavola pugliesi e greche.

Nel corso del seminario  sono stati affrontati gli aspetti economici, tecnologici e produttivi del settore delle olive da tavola e sono state illustrate alcune importanti innovazioni utili per il controllo del processo e per ottenere produzioni di alta qualità. I ricercatori si inoltre sono interfacciati con i produttori e le associazioni di imprenditori al fine di costruire una vera e propria rete capace di sfruttare le innovazioni provenienti dal mondo della ricerca.

La giornata è stata anche utile occasione d’incontro tra ricercatori del CNR e dell’Università di Foggia e i produttori di olive da tavola della Regione Puglia. Sono stati affrontati aspetti tecnologici, industriali e microbiologici dell’oliva da tavola in modo da valutare i possibili apporti che la ricerca potrà fornire ad un settore che sta vivendo un trend di crescita sia nelle produzioni che nei consumi e creare le condizioni per un dialogo più aperto ed efficace tra produttori e ricerca. Tutto ciò consentirà un più veloce e diretto trasferimento di  conoscenze e pratiche innovative agli operatori del settore olivicolo-oleario regionale.

Tra i momenti clou  dell’incontro la prova guidata di assaggio di olive da tavola prodotte in Puglia (Bella di Cerignola, Peranzana e Cellina di Nardò).  L’evento ha fornito inoltre l’occasione per programmare con le associazioni di settore (Unaprol, Coldiretti) e con gli imprenditori, un corso per esperti assaggiatori di olive da tavola con l’obiettivo di valorizzare le produzioni di olive da tavola di alta qualità e stimolare l’interesse dei consumatori nei confronti di questo prodotto tipico, per il quale esistono grandi potenzialità di conquista di nuovi mercati.

A conclusione del seminario, Domenico Zonno, componente del Segretariato Tecnico Congiunto del Programma Grecia-Italia 2007-2013, ha illustrato le specificità del Programma e il ruolo di coordinamento dei progetti e dei beneficiari presenti sul territorio regionale, svolto dal Servizio Mediterraneo della Regione Puglia. Egli ha anche illustrato gli obiettivi dei progetti strategici approvati recentemente sul Programma Grecia- Italia e ha fornito una cornice della programmazione 2014-2020, in cui è previsto il proseguimento delle attività del Programma di cooperazione Grecia- Italia.