Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

La sera del 31 luglio scorso nel Castello di Castro si è data voce al territorio del Salento ed a chi lo anima: il “Salento Barcamp”, realizzato nell'ambito del  progetto “Parks without borders”, ha portato a discutere di archeologia, storia e ambiente “in movimento”, ha messo 32 relatori a confronto con coloro che di questi temi fanno una professione o una passione. A testimoniarlo è ora un video, disponibile da qualche giorno su YouTube.

Qui il link  per seguire il racconto dell’iniziativa, nel corso della quale sono state presentate esperienze e realtà che animano le Province di Brindisi, Lecce e Taranto.

L’evento è stato promosso dal Comitato Territoriale Lecce – UISP come momento di coinvolgimento della popolazione nell’ambito del progetto ETCP Grecia–Italia “Parks without borders” con Lead partner il “Parco N. R. Otranto – S. Maria di Leuca e Bosco di Tricase”.

Il progetto PWB ha come obiettivo principale e trasversale la piena accessibilità ai parchi ed alle aree naturali da parte di tutti, con particolare attenzione, agli utenti svantaggiati, quali bambini, anziani e persone disabili. Inoltre, il progetto realizza attività di infrastrutturazione accessibile, attività di prevenzione di rischi naturali, coinvolgimento ed informazione della popolazione. Oltre al Lead Partner ed alla UISP Lecce, sono partner greci dell’iniziativa il Comune di Zagori con il “Parco del Nord Pindos” ed il Comune di Corfù con l’Area Protetta del Lago di Korission.

L’evento, sostenuto da un corollario di partner pubblico-privati, provenienti da altri tre progetti, è stato ideato per permettere al territorio di esprimersi e di confrontarsi, partendo dal principio cardine del Barcamp: tutti protagonisti, nessuno spettatore.