Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Giunge ad una fase cruciale il percorso di valorizzazione della pietra leccese nell’ambito del progetto “VIS - Valorization of the Common Identity around the stone”, finanziato dal programma di cooperazione territoriale  Italia-Grecia 2007-2013 e promosso dai Comuni di Maglie (capofila), Gagliano del Capo, Miggiano, Caprarica di Lecce, nonché dal Comune di Cefalonia e dalla Regione delle isole joniche, per la parte greca.

Lunedì 21 luglio alle ore 18,00 a Maglie, si apriranno infatti al pubblico gli stand degli artigiani della pietra che in piazza Aldo Moro esporranno per tutta la settimana i loro prodotti tipici, le loro creazioni molto spesso assimilabili ad autentiche opere d’arte. Essi daranno inoltre dimostrazioni pratiche delle loro tecniche di lavoro e modellazione della pietra. A seguire, venerdì 25, in piazza Capece l’incontro millenario fra le culture greca e salentina sarà sugellato dalla esibizione congiunta di due gruppi musicali ben noti per la loro produzione e ricerca su testi e note popolari, i Tamburellisti di Torrepaduli ed il gruppo di danza “Elpaxo”.

Il progetto V.I.S., infatti, ha come tratto unitario la cultura della tradizione che, soprattutto nelle aree meridionali europee, offre modelli di identità provenienti da intrecci antropologici, linguistici e storici molto affini, e la pietra è certamente uno degli elementi di congiunzione ed aggregazione tra queste popolazioni; “valore” delle attività poste in essere dal progetto è quindi quello di consolidare la reputazione e l’immagine del patrimonio culturale, economico, artistico e turistico dei territori coinvolti.

Peraltro, quello del lapideo è un settore che merita di essere valorizzato, sostenuto e accompagnato nel nuovo mercato globale, che deve avere la capacità di rinnovarsi e confrontarsi con la contemporaneità, non più nascosto o sottovalutato, anche perché sa esprimere, oltre a rappresentare, la storia e l’identità del territorio ed evidenzia una buona domanda di mercato e un’occasione di sviluppo ed occupazione.

Il progetto V.I.S. terminerà a settembre, mese in cui sempre a Maglie, questa volta nei locali dell’ex mobilificio “Piccinno” che diventerà la sede di uno dei Musei di Archeologia industriale più attrezzati d’Italia, si svolgeranno Mostre ed iniziative culturali sulla “pietra” e le cave, nonché la premiazione degli elaborati fotografici e video realizzati dagli amatori che hanno partecipato ai concorsi promossi dal partenariato di progetto.

Il calendario degli eventi sarà più dettagliatamente esposto in conferenza stampa presso il Comune di Maglie, giovedì 24 alle 13,00 alla presenza dei partner greci.