Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Nell’ambito del progetto POLYSONG – Polyphonic Songs: a channel to networking and distinction of common cultural characteristics in the areas of Pogoni and Grecia Salentina, il Comune di Calimera organizza per mercoledì 30 luglio 2014 alle ore 18.30 nella BiblioMediateca comunale di Calimera (LE) una conferenza scientifica con lo scopo di approfondire insieme a studiosi ed esperti il tema della musica polifonica e delle tradizioni popolari e riflettere su come esse possano contribuire ad un nuovo sviluppo turistico dell’area.

Intervengono: Giovanni Palma, amministrazione comunale di Calimera; Luigi Chiriatti, esperto di tradizioni popolari; Giacomo Fronzi, ricercatore Università del Salento; Rosalina Grumo, docente di geografia economico-politica Università degli Studi di Bari” Aldo Moro”.

A seguire, alle ore 22.00 nella piazzetta Madonna del Mantovano, (prov.le Calimera – Martignano)  il concerto di Stella Grande & Anime Bianche.

Al progetto POLYSONG, finanziato nell’ambito del Programma di Cooperazione territoriale Grecia Italia 2007-2013, partecipano, oltre al Comune di Calimera, i Comuni di Zollino e Sternatia e per la parte greca la Municipalità di Pogoni.

Tra gli obiettivi di progetto  la creazione di una nuova consapevolezza intorno al tema della musica polifonica, grazie ad attività di ricerca e di diffusione di materiale informativo, nonché l’incremento dei flussi turistici, grazie all’organizzazione di eventi e manifestazioni culturali che possano assumere un carattere stabile e ripetitivo negli anni.