Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Il protocollo d’intesa firmato tra Comune di Putignano, Fondazione Carnevale di Putignano, Municipalità albanese di Korce e Consorzio Teatro Pubblico Pugliese traccia le basi per rafforzare la capacità attrattiva dei rispettivi territori ed entrare nello scenario internazionale per la creazione di una rete stabile delle città europee del Carnevale.

 

Attraverso due linguaggi, l'arte figurativa ed il teatro, infatti, il dialogo tra diverse culture europee del Carnevale potrà attivarsi e contaminarsi per produrre come risultato finale l’avvio di un progetto pluriennale da candidare nella nuova programmazione europea 2014-20. “Diversi sono i Programmi di Cooperazione Internazionale che aprono la strada a concrete opportunità di sviluppo e promozione del territorio come, per esempio, il Grecia-Italia, Italia- Albania-Montenegro, Italia-Croazia” spiega Bernardo Notarangelo, dirigente del Servizio Mediterraneo della Regione Puglia, intervenuto a Putignano durante la firma del Memorandum of Understanding sottoscritto dal sindaco del Comune di Putignano Domenico Giannandrea, il presidente della Fondazione del Carnevale di Putignano Giampaolo Loperfido, il sindaco della Municipalità albanese di Korce Sotiraq Filo ed il direttore del TPP Sante Levante.

A margine dell’incontro, la delegazione albanese rappresentata anche dal Ministro agli Affari Regionali Bledi Cuci ed il Console Generale Ermal Dredha, ha presentato due significativi contributi culturali alla Città di Putignano: una mostra dell’artista albanese di fama internazionale Fate Velaj, che resterà aperta nel Palazzo comunale fino al 1° marzo, ed un concerto lirico tenutosi presso l’Ex Macello di Putignano con il soprano Ardita Meni ed il pianista Valmir Xoxa.

L’iniziativa è nata nel più ampio contesto del Progetto strategico I.C.E. (Innovation, Culture and Creativity for a new Economy - finanziato dal Programma di Cooperazione Territoriale Europea Grecia-Italia 2007 – 2013) che, entro giugno 2015, nel portare a termine un modello di crescita e valorizzazione del sistema dell’industria creativa pugliese e greca, sarà in grado di disegnare nuovi percorsi turistico-culturali all’interno dei quali aprire un focus sui diversi Carnevali europei. Fino ad allora si susseguiranno momenti di incontro, conoscenza e confronto intorno ai quali costruire un progetto definitivo. Già in occasione del Carnevale di Putignano, la rete che si immagina di creare ha tracciato le sue fondamenta, sia con la firma del Memorandum Putignano – Korce – TPP, sia con la presenza di artisti figurativi (pittori e fotografi) coordinati dal Museo d'Arte Contemporanea "Pino Pascali" e provenienti dalla Puglia (Luigi Presicce), dalla Grecia (Akis Chierdaris - direttore organizzativo del Teatro Regionale di Corfù e coordinatore artistico del Carnevale di Corfù; Mary Zygouri), dall'Albania (Fate Velaj) e dal Montenegro (Milos Dzeverdanovic - Direttore del Carnevale di Kotor; Ana Savjak - rappresentante del Ministero alla Cultura del Montenegro; Dustica Ivetic - stimata artista).

Sono in corso, inoltre, contatti con Germania, Francia, Spagna, Bulgaria, Austria, Belgio, Croazia, Olanda, Polonia ed altri territori interessati alla mission “rete stabile delle città europee del Carnevale”.

Per Putignano, come per tutte le municipalità che entreranno a far parte del progetto, si attiverà così un processo virtuoso di scambio di best practice per la creazione di un network di eccellenze ed espressioni più dinamiche del settore artistico-culturale. Obiettivi: sviluppo, innovazione, turismo, crescita del territorio.